Pubblicato il

Estate 2019, a Palo torna la spiaggia per gli amici a quattro zampe

Estate 2019, a Palo torna la spiaggia per gli amici a quattro zampe

Il resto del litorale sarà off limits 24 ore su 24. Guardie ambientali a lavoro per far rispettare le regole

LADISPOLI – Con la sentenza del Tar del Lazio sulla possibilità per gli amici a quattro zampe di godere di una giornata di mare sole e relax torna alla ribalta, in ogni singolo comune del litorale, il tema dell’accesso in spiaggia degli animali. Nella vicina Cerveteri il divieto imposto dall’amministrazione comunale ha già suscitato notevoli discussioni, con gli amanti degli amici pelosi in prima fila per chiedere la revoca dell’ordinanza. Secondo quanto stabilito infatti dal Tribunale amministrativo nella sua sentenza contro il comuen di Latina, “l’amministrazione avrebbe dovuto valutare la possibilità di perseguire le finalità pubbliche del decoro, dell’igiene e della sicurezza mediante regole alternative al divieto assoluto di frequentazione delle spiagge, ad esempio valutando se limitare l’accesso in determinati orari, o dinviduare le aree adibite anche all’accesso degli animali, con l’individuazione delle aree viceversa interdette al loro accesso”. Insomma, i proprietari degli animali devono avere la possibilità di portare in spiaggia i propri compagni di vita. Una possibilità che già lo scorso anno, a Ladispoli, è stata concessa e che quest’anno tornerà ad essere ripetuta. Ovviamente con delle limitazioni. Resta infatti aperta agli amici a quattro zampe la spiaggia nei pressi di Palo laziale, nei pressi dei bunker situati sull’arenile libero. I proprietari potranno dunque contare su un luogo aperto h24 dove poter condurre i propri animali anche durante il periodo estivo. Le altre spiagge libere restano ovviamente off limits. Restrizione questa che già lo scorso anno era stata purtroppo violata da diversi proprietari di animali.Nonostante i divieti e un’area a disposizione, erano in molti i proprietari che portavano i loro animali, anche senza guinzaglio e museruola sulle spiagge libere. Tra queste, proprio quella di Torre Flavia, laddove insistono le dune che lo scorso anno hanno ospitato il fratino. Nonostante i cartelli in cui si invitavano i proprietari di cani di tenerli al guinzaglio e lontani dalle dune, erano diversi i proprietari che lasciavano i propri animali liberi di correre dove capitasse. Onde evitare che situazioni del genere si possano ripresentare anche quest’anno, le guardie ambientali del litorale sono già all’opera nel controllo e nel rispetto delle regole. Chi sarà scovato a violare le regole dovrà pagare una multa.
Intanto, per quanto riguarda la spiaggia adibita a Palo laziale quest’anno saranno apportate delle modifiche in positivo. L’amministrazione ha infatti deciso di spostare di qualche metro il confine della spiaggia per cani così da fornire loro una porzione di spiaggia più ampia. Davanti alla spiaggia saranno posti dei cestini per la raccolta delle deiezioni. Inoltre, come spiegato dall’incaricato alla tutela degli animali del comune di Ladispoli, Miska Morelli, si sta cercando di risolvere anche il problema relativo all’assenza di sorgente d’acqua potabile nella zona. Nei dintorni gli allacci sarebbero infatti tutti privati ma palazzo Falcone si è già messa in moto per richiedere l’accesso ad una fonte d’acqua così da garantire anche l’idratazione degli amici pelosi.

 

So.Be.

ULTIME NEWS