Pubblicato il

Una task force per l’educazione ambientale

Una task force per l’educazione ambientale

Da lunedì ricognizione nelle attività commerciali per monitorare i problemi legati alla raccolta differenziata

SANTA MARINELLA – Questa amministrazione comunale, sembra fare sul serio in materia di educazione ambientale, e per ottenere l’obiettivo prefisso, ha istituito una task force che da lunedì si recherà nelle attività commerciali della città per raccogliere opinioni e sentire eventuali difficoltà che gli operatori economici incontrano nella raccolta differenziata. 
Intanto, sono giunti a Santa Marinella, quattro nuovi mezzi di raccolta, che andranno a potenziare il parco auto a disposizione della Gesam. La task force sarà formata da agenti di Polizia Locale, dalle Guardie Ambientali e dagli operatori della Gesam. “Si tratta di un controllo esplorativo – dice l’assessore alla raccolta differenziata Andrea Bianchi – per sentire i commercianti locali e verificare eventuali disservizi o difficoltà nel conferimento dei rifiuti. Non ci saranno sanzioni, a meno che non saranno riscontrate gravi irregolarità o comportamenti scorretti. Possiamo dire che Santa Marinella è più pulita, ma non abbastanza. Con la firma del nuovo contratto con la Gesam, non tollereremo più alcuna inadempienza e disservizio. Il contratto dovrà essere rispettato, da parte del gestore, in ogni suo punto. Creeremo punti di ascolto, informazione puntuale e riunioni periodiche con la cittadinanza”. “L’azienda – conclude Bianchi – in previsione del nuovo contratto, ha fornito nuove divise estive agli operatori, che potranno essere facilmente riconoscibili dagli utenti e lavorare con maggior decoro.
Altra buona notizia, l’implementazione di quattro nuovi mezzi già operativi sin da oggi”. “Come potete vedere – afferma il sindaco Tidei – stiamo facendo il massimo verso un tema, quello ambientale e della pulizia che, in una città a vocazione turistica, è sicuramente prioritario. Come Sindaco di questa comunità, voglio rivolgere un appello a tutti i nostri concittadini. Santa Marinella è sporca anche per il comportamento scorretto di molti, che continuano a non differenziare correttamente e buttare rifiuti indifferenziati ovunque. Non siamo più disponibili a tollerare atti di inciviltà che si ripercuotono sull’immagine di questa città e sulle tasche dei cittadini che di fatto pagano il conferimento straordinario in discarica”.

ULTIME NEWS