Pubblicato il

Canali televisivi: buone notizie dopo la lettera del Comune al Ministero

S. MARINELLA – Sembra aver dato un esito positivo la lettera inviata dal Comune al Ministero dello Sviluppo Economico, in merito alle difficoltà da parte della cittadinanza di poter vedere in chiaro i canali televisivi. Sulla questione delle frequenze, il Ministero appoggia il Comune. L’argomento infatti è caldo perché, proprio in estate, a Santa Marinella è praticamente impossibile vedere la Tv sul digitale terrestre, se non muniti di dispositivo TvSat. L’amministrazione Tidei, dunque, ha messo in campo delle iniziative che cominciano a dare i primi risultati. “Per informazione – dicono dall’ufficio stampa del sindaco – ricordiamo che il primo cittadino ha scritto una lettera, rappresentando a tutti gli enti competenti, Rai compresa, che a Santa Marinella, nei periodi estivi, non è possibile fruire del servizio televisivo per il quale tutti i cittadini sono obbligati a pagare il canone, rateizzato nelle bollette del servizio elettrico. Ovviamente, la Rai, con un abile copia e incolla della stessa lettera inviata anche negli anni passati, risponde all’ennesimo sollecito del Comune che le opere necessarie all’ampliamento delle infrastrutture utili al miglioramento della ricezione delle frequenze televisive sono di fatto a carico dell’Ente”. “Questa risposta – dice Tidei – uguale a quella data a chi mi ha preceduto, sinceramente non mi ferma da intraprendere altre azioni. Si parla di digitale terrestre 2, canali Hd, alte frequenze, ma qui in estate guardiamo lo schermo nero. I miei concittadini pagano il canone regolarmente e per tutto l’anno, ma il servizio viene erogato a singhiozzo. Come ho annunciato qualche giorno fa, il Comune sta predisponendo gli atti amministrativi per una class action e con l’occasione invito la cittadinanza a firmare apposita modulistica predisposta dall’ufficio legale. Il fermento che abbiamo creato, probabilmente ha scosso le istituzioni”. “Ieri – continua Tidei – ci è pervenuta una nota a firma del funzionario responsabile del Ministero dello Sviluppo Economico in cui si legge che “si rappresenta a queste Direzioni Generali di valutare eventuali iniziative al fine di risolvere le problematiche di cui all’oggetto, posto che il Comune di Santa Marinella non dispone di mezzi economici per sopportare i costi di fattibilità per l’ampliamento del segnale di ricezione dei programmi Tv”. “Voglio informare i miei concittadini – conclude il sindaco – che nonostante questa buona notizia, noi andremo avanti, firmiamo in massa la class action e sicuramente si arriverà ad un accordo”.

ULTIME NEWS