Pubblicato il

Pietro Tidei fiume in piena contro Fiorucci e Casella

Pietro Tidei fiume in piena contro Fiorucci e Casella

Il sindaco di Santa Marinella  difende l’operato della sua giunta

S. MARINELLA – Il sindaco Pietro Tidei risponde con atti circostanziati, alle accuse che gli sono state rivolte dai due consiglieri di minoranza Lorenzo Casella e Francesco Fiorucci, che avevano tacciato il primo cittadino basare la sua amministrazione sulla realizzazione di nuovi insediamenti edilizi. 
“In un anno di amministrazione, cosa hanno prodotto Casella e Fiorucci? – si domanda il sindaco – solo aria fritta. La mia giunta, invece, ha voluto, sin dal primo giorno, un confronto serio con le opposizioni, partendo da un dato certo ed inconfutabile, il fallimento del Comune. Loro non hanno mai fornito proposte, idee, soluzioni, ma solo polemiche sterili per procrastinare problemi dando adito a strumentalizzazioni. In un anno di amministrazione, grazie al lavoro costante di tutta la squadra, abbiamo risparmiato oltre un milione e 800mila euro rispetto alla precedente, garantito i servizi ed ottenuto l’approvazione del bilancio riequilibrato da parte del Ministero. Un risultato epocale, se andiamo a vedere la fine che fanno i Comuni dissestati. Scuole chiuse e impiantistica sportiva resa inagibile dalla precedente Giunta. In un solo anno, questa amministrazione ha reperito fondi e contributi che consentiranno la riapertura dei plessi scolastici e la messa in sicurezza degli impianti sportivi”. Tidei, ricorda che ha ripristinato parte di sua competenza e di gestione Anas, grazie ai numerosi solleciti inviati alla direzione Generale. “Abbiamo ottenuto dalla Regione – continua il primo cittadino – numerose aree che sono state subito valorizzate e messe a reddito con l’apertura di parcheggi a pagamento in uso e gestione della Multiservizi, un traguardo che segna nella storia della Municipalizzata una svolta epocale”. Tidei fa presente che al momento del suo insediamento, l’azienda in house del Comune presentava un disavanzo di oltre 200mila euro ed un sentiero ben tracciato, quello della chiusura. “Con queste operazioni effettuate in tempi record – spiega il sindaco – grazie anche alla collaborazione del nuovo manager Andolfi, non solo eviteremo la chiusura di questa azienda ma saremo in grado di colmare il disavanzo nel breve tempo, trasformando la Municipalizzata in una vera e propria attività che può competere nel mondo del lavoro offrendo servizi a pagamento”. Come un fiume in piena, Tidei ricorda che sono stati realizzati 40 nuovi loculi in otto giorni che hanno consentito di uscire dall’emergenza in attesa del project financing che sarà la cura definitiva per questo annoso problema. “La città è più pulita grazie ad un nuovo rapporto con la società che gestisce la raccolta differenziata – afferma il capo della giunta – che deve garantire tutto quello che prevede l’appalto. Accessi al mare liberati da quelle barriere di prepotenza e da sporcizia che ne impedivano l’accesso. Sull’ambiente ed edilizia – conclude Tidei – Fiorucci vada a vedere quante ordinanze sono state fatte dalla precedente amministrazione per l’abbattimento degli alberi e le prescrizioni imposte invece da questa amministrazione per ottenere la stessa cosa. Su Macchiatonda abbiamo chiesto bilanci e rendicontazioni, quella documentazione che la Regione stessa ci ha richiesto proponendo altresì una gestione da parte di Lazio Crea per migliorare il sito e la sua fruizione che oggi è rappresentata da un cancello chiuso, visite scolastiche pari a zero e pochissime attività pubbliche”.

ULTIME NEWS