Pubblicato il

Palio, sottoscritto il nuovo regolamento

Palio, sottoscritto il nuovo regolamento

ALLUMIERE. Lo annuncia il vicesindaco Manrico Brogi: «Rispetto delle tradizioni e occhi che guardano al futuro» Introdotto un articolo per il sorteggio delle gabbie e diminuiti i valori delle multe. Elencati anche gli episodi gravi tra fantini

ALLUMIERE – Obiettivo raggiunto in vista del Palio: è stato, infatti sottoscritto in queste ultime ore il nuovo regolamento del Palio delle Contrade di Allumiere. «Abbiamo apportato – spiega il vicesindaco Manrico Brogi  – piccole, ma sostanziali modifiche per far in modo che lo spettacolo del Palio sia sempre l’orgoglio del nostro paese, il tutto nel rispetto delle tradizioni e con gli occhi che guardano al futuro. Grazie a tutti i presidenti, ai delegati e alla Pro-Loco, in particolare alla presidente Tiziana Franceschini. Un ringraziamento particolare a Gian Piero Regnani per la lungimiranza». 
Come spiega il vicesindaco Brogi: «Il lavoro su eventuali cambiamenti al regolamento si svolge soprattutto in inverno quando, insieme alle Contrade e alla ProLoco, ci si confronta sulle varie problematiche che possono emergere durante lo svolgimento di quella che per noi è la manifestazione principale per il nostro paese. Siccome molto ruota intorno al Palio, in termini sia organizzativi, che economici, associativi e culturali, evidentemente le leggi che lo regolano assumono un ruolo fondamentale per la buona riuscita dell’evento in sé e per il proseguo nel futuro di questa tradizione. Ogni anno, quindi, si analizza quello che è successo gli anni precedenti e si cerca di adattare le regole alle nuove esigenze che emergono o evitare che insorgano alcune problematiche che potrebbero compromettere la buona riuscita del Palio». In questa ultima modifica è stato introdotto un articolo ex-novo che descrive la modalità di sorteggio delle gabbie che, vale la pena ricordare, avviene in diretta, pochi minuti prima delle tre batterie. «Sono stati diminuiti poi – prosegue Brogi – i valori delle multe e fissati i valori stessi in cifre ben definite, affinchè il giudice possa decidere su basi certe e non abbia discrezionalità nel decretare la cifra delle multe da comminare. E, per la stessa logica, sono state dettagliatamente descritti gli episodi gravi tra fantini, cosicchè ad ogni eventuale scorrettezza corrisponda una pena certa e non contestabile. Si è deciso anche che, le cifre derivanti dalle eventuali multe vengano gestite direttamente dall’Associazione delle Contrade, per poterle reinvestire nella manutenzione del patrimonio comune che fa riferimento alle sagre e al Palio stesso: questa modifica ha una doppia valenza, da una parte ha l’intento di far ripartire con nuova e rinnovata energia l’AssoContrade, che negli ultimi anni si era un po’ persa, e, dall’altro di introdurre un principio di autoregolamentazione da parte delle contrade stesse. Queste, in sostanza, le modifiche più importanti che hanno comunque portato a proficue discussioni tra le parti, dove non mancano certo motivi di frizione e di prese di posizione, ma che, infine, dimostrano quanto i Presidenti e i vari delegati delle Contrade, l’Amministrazione e la Pro-Loco tengano al Palio: le serate intere a discutere se va aggiunta una E o una virgola ad un articolo, lasceranno il ricordo di un sorriso e la consapevolezza che qui, le cose di Palio, si fanno sempre con il cuore».

ULTIME NEWS