Pubblicato il

Primo semestre nel segno negativo: -15,5% per le merci

Primo semestre nel segno negativo: -15,5% per le merci

L’Autorità di sistema portuale ha pubblicato sul proprio sito i dati dei traffici relativi al periodo che va da gennaio a giugno. Si conferma il quadro critico già evidenziato dopo i tre mesi di inizio anno. Tengono le crociere 

CIVITAVECCHIA – I dati relativi ai traffici del primo trimestre 2019 avevano già evidenziato il momento difficile per il porto. E quelli del primo semestre, pubblicati nei giorni scorsi sul sito internet dell’Autorità di sistema portuale non fanno altro che confermare le preoccupazioni degli operatori. Da gennaio a giugno le merci soprattutto viaggiano con il segno negativo. Complice ovviamente la crisi generalizzata, ma la causa è da ricercare anche e soprattutto in quelle che sono le criticità e le vertenze che si sono aperte nell’ultimo anno. Il traffico complessivo dato dalla somma del totale delle merci liquide e quelle solide segna un meno 15,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con una diminuzione di 863.035 tonnellate in valore assoluto. Le rinfuse liquide si attestano ad un meno 11,3%; quelle solide segnano un – 46,1%. Qui pesa soprattutto il calo del carbone, pari al meno 49,5% e quello di minerali grezzi, cementi e calci al – 59,6%. I prodotti chimici scendono dell’81,2%, i prodotti metallurgici, minerali di ferro, minerali e metalli non ferrosi al 28%, con un -23,2% delle altre rinfuse solide. Si registra una leggera crescita dei contenitori in Teu, che segnano un +17,2% raggiungendo però una movimentazione ancora esigua rispetto alle potenzialità del terminal, fermandosi infatti a 62.652. Un +7,3% è la crescita registrata dal ro-ro. I passeggeri scendono dello 0,4%, quasi duemila in meno rispetto allo scorso anno. Tengono infine i crocieristi, con un +4,5% pari a 44.905 passeggeri in più.

ULTIME NEWS