Pubblicato il

I reperti del museo della Navigazione inviati in Cina

Il direttore Flavio Enei soddisfatto della decisione del Ministero

Il direttore Flavio Enei soddisfatto della decisione del Ministero

SANTA MARINELLA – Si dice estremamente soddisfatto il direttore del Museo civico di Santa Marinella, l’archeologo Flavio Enei, per l’interessante iniziativa intrapresa dal Ministero per le Attività e i beni culturali che ha deciso di curare i rapporti con la Cina in materia di antichità. Il primo risultato è stato quello di inviare dei preziosi reperti prestati dal Museo della Navigazione Antica alla mostra Portus, che è stata allestita in questi giorni nel Paese asiatico. Santa Severa ha inviato, dopo la richiesta da parte della China Museum Association, il modello ricostruttivo di una nave caudicaria, un particolare tipo d’imbarcazione fluviale che veniva utilizzato per il trasporto delle merci dai porti di Claudio e Traiano presso Ostia fino in città, risalendo il Tevere. Le navi caudicarie, trainate da coppie di buoi da terra lungo la riva del fiume, risalivano la corrente giungendo a Roma in circa due giorni di navigazione. Un sistema di trasporto che dall’epoca repubblicana fino a quella tardo antica ha assicurato il rifornimento di milioni di tonnellate di mercanzie e generi alimentari alla città eterna. Già negli anni scorsi il direttore del Museo Flavio Enei aveva ospitato una delegazione del Ministero della Cultura Cinese venuta in Italia per preparare l’evento in collaborazione con il Mibact e diversi altri musei italiani. “Gli archeologi cinesi erano rimasti molto colpiti e interessati dai modelli navali presenti nel museo – dice Enei – ed i contatti intercorsi nel tempo con i ricercatori cinesi hanno consentito di portare Santa Marinella e il suo museo dall’altra parte del mondo per contribuire alla diffusione della conoscenza delle civiltà del Mar Mediterraneo presso l’enorme pubblico dei musei della repubblica popolare cinese”. Un interessante contributo di Santa Marinella alla grande esposizione che nei prossimi mesi toccherà tre musei cinesi, il China Port Museum di Ningbo, il China Museum of the South China di Hainan e il China Maritime Museum di Shangai. 

ULTIME NEWS