Pubblicato il

Torna all’antico splendore il crocefisso della chiesetta di San Giuseppe

Torna all’antico splendore il crocefisso della chiesetta di San Giuseppe

Torna all’antico splendore il crocefisso della chiesetta di San Giuseppe

S.MARINELLA – Spinti dai valori di cittadinanza attiva e di spirito libero, il consigliere comunale Francesco Fiorucci, Stefano Marino ed il parroco Don Salvatore Rizzo, hanno portato all’antico splendore il crocefisso adiacente la chiesetta di San Giuseppe al Porticciolo. Il pilastro sulla quale si ergeva il crocefisso, era circondato da erbacce e sporcizia e reso quasi invisibile. I promotori dell’iniziativa, Francesco Fiorucci, gestore d’albergo e Stefano Marino imprenditore cittadino, hanno raccolto dunque l’entusiastica approvazione di Don Salvatore ed armati di ramazza e olio di gomito, hanno ripulito a fondo un angolo che, con la chiesetta, offre uno splendido scorcio storico e paesaggistico. “Abbiamo pensato di rendere l’area davanti alla chiesa del castello Odescalchi – dice Fiorucci – una volta completamente abbandonata, fruibile alla cittadinanza, creando così un angolo speciale per coloro che scelgono Santa Marinella per coronare il loro sogno d’amore, rendendo gradevole quel posto. Speriamo sia l’inizio di un miglioramento generale che la nostra cittadina si merita, dovremmo riportarla, nel più breve tempo possibile, ai vecchi fasti che gli diedero l’appellativo di Perla del tirreno”. Lo stesso Fiorucci, imprenditore impegnato nel sociale, parla di “piccole, grandi cose, passi che testimoniano la volontà di mantenere simboli e riferimenti fortemente presenti sul territorio ed in grado di offrire momenti di profonda riflessione”. Raggiante Don Salvatore Rizzo che auspica una partecipazione civica sempre più diffusa, aperta ai cittadini, nel segno di un impegno comune che riscopra e rivalorizzi la spiritualità dei luoghi di culto, luoghi dove è possibile raccogliersi, come nel caso dell’antica chiesetta del porticciolo, in un contesto che appaga anima e vista. Gli autori del restauro, appagati dal risultato ottenuto, stanno già pensando ad altre iniziative, coadiuvati dal sempre disponibile Don Salvatore Rizzo.

ULTIME NEWS