Pubblicato il

''Il Comune non ha competenza. La questione riguarda l’Ater''

CASE POPOLARI Renzo Barbazza replica a Stefania Abbatiello

CASE POPOLARI Renzo Barbazza replica a Stefania Abbatiello

SANTA MARINELLA – Dopo la requisitoria fatta ieri dalla presidentessa del Comitato cittadino per la casa Stefania Abbatiello, che ha attaccato a spada tratta il sindaco Tidei e l’assessore Barbazza, sulle modalità per la realizzazione delle case popolari, oggi a rispondere è lo stesso assessore. “Ritengo doveroso intervenire sul problema delle case popolari di via Elcetina – spiega il dottor Barbazza – per rispondere al Comitato Cittadino e fornire le precisazioni già espresse in altre occasioni. Il Comune di Santa Marinella, anche se il complesso immobiliare di via Elcetina, abbandonato da anni, ricade nel nostro territorio comunale, non ha alcun potere decisionale in merito alla vicenda, perché è una questione che riguarda unicamente l’Ater, le tre società proprietarie delle palazzine e le banche che sono intervenute a seguito del fallimento delle precedenti. L’Ater, intende acquistare in blocco il complesso immobiliare ha già presentato la propria offerta e sta aspettando che ci sia una risposta definitiva e chiara dalle controparti che, a tutt’oggi, non è ancora pervenuta al Tribunale, probabilmente per una negoziazione tra di loro che non si è ancora conclusa. Qualora l’intera operazione andasse finalmente in porto, e noi ce lo auguriamo fortemente perché sarebbe un grande fatto per la città, e l’Ater riuscisse ad acquistare il complesso edilizio, il Comune potrebbe procedere all’assegnazione degli appartamenti, in modo agevolato e sociale agli aventi diritto, che rientrano nella graduatoria su cui sta lavorando una Commissione apposita. Nella malaugurata ipotesi in cui l’operazione Ater, banche e società non si realizzasse, sarà necessario seguire altre strade realmente praticabili in tempi ragionevolmente brevi, senza speculazioni edilizie o interventi lesivi sul piano ambientale, per dare una risposta al bisogno sociale di molti cittadini che vivono da anni il problema della carenza di alloggi popolari, a cui nessuna amministrazione, in precedenza, ha mai trovato una soluzione”. “Pertanto – conclude Barbazza – si ritiene che il Comitato cittadino continui a sollevare un polverone inesistente a soli fini strumentali e demagogici, tirando in ballo il Comune in una trattativa di compravendita che non dipende minimamente da lui, ma da altri soggetti. Inoltre, si fa presente che l’assessorato ai servizi sociali, ha fino ad oggi seguito con insistenza la questione che riveste, indubbiamente, un significato anche sociale, ma che esiste un delegato alla casa, nominato specificamente qualche mese fa, che potrà probabilmente fornire eventuali informazioni aggiuntive, qualora ce ne fosse bisogno”. 

ULTIME NEWS