Pubblicato il

Settanni (M5S): "Per i 70 anni del Comune ci auguriamo  di ritrovare una nuova piscina comunale"

Settanni (M5S): «Per i 70 anni del Comune ci auguriamo  di ritrovare una nuova piscina comunale»

Settanni (M5S): «Per i 70 anni del Comune ci auguriamo  di ritrovare una nuova piscina comunale»

S. MARINELLA – Il portavoce del M5S cittadino Francesco Settanni si augura che il miglior regalo che i cittadini possono avere per i 70 anni della nascita del Comune di S. Marinella sia quello di ritrovare una nuova piscina comunale e che la giustizia faccia il suo corso con il risarcimento alla città per il denaro pubblico speso male. «Scorrendo gli atti emanati dalla giunta comunale e pubblicati in albo pretorio – dice il consigliere grillino – incontriamo una delibera, la 188, di questo mese, con la quale finalmente, dopo più di un anno di silenzio, viene dato atto di indirizzo per valutare l’opportunità di intraprendere azioni di rivalsa nei confronti di eventuali responsabili, per i danni patiti dalla piscina comunale chiusa da anni, demandando al responsabile del settore affari legali, l’individuazione di eventuali atti da adottare. Peccato, tuttavia, che questo atto giunge tardivo rispetto all’iniziativa già messa in campo dal gruppo consiliare del M5S che, dal 18 settembre del 2018 e con ben tre diversi e successivi accessi agli atti, aveva sollecitato l’amministrazione. In particolare, in risposta a quello del 2 gennaio 2019, il segretario comunale pro tempore aveva concluso formulando al sottoscritto il testuale invito “Ove lei, come sembra, abbia ravvisato con certezza i ruoli di responsabilità di ciascun soggetto indicato in perizia, può autonomamente, nella qualità di consigliere comunale, adire la Procura Generale della Corte dei Conti nelle more dell’azione della autorità comunale». «Aggiungo – continua Settanni – che il ritardo nell’evadere gli accessi agli atti da me formulati, fu determinato dal fatto che la relazione di accertamento tecnico preliminare era già nei cassetti di qualche scrivania dal mese di giugno 2018, dopo essere stato depositato in Tribunale il 20 giugno 2018 e proprio la mia insistenza sull’argomento per scongiurare il rischio di prescrizione dell’azione giudiziaria ha poi fatto venir fuori il problema e l’accertamento tecnico preliminare, come risulta nella delibera di giunta, è stato infine assunto a protocollo solo il 14 novembre 2018. Noi abbiamo mantenuto riservatezza sulla nostra iniziativa ed ovviamente non pubblicherò qui l’intera informativa, ma riteniamo che la vicenda della piscina comunale, come del resto molte altre che hanno profondamente ferito e deturpato il patrimonio comunale, sia una storia degna dell’attenzione della magistratura ordinaria e contabile. Mai il vilipendio al bene comune di una città è stato così grande come quello a cui abbiamo assistito in decenni di pessima gestione della cosa pubblica nella nostra città. Ci auguriamo pertanto che i cittadini tartassati per il dissesto, a cui l’utilizzo di questo bene pubblico importantissimo é stato negato, pur avendolo pagato con il loro denaro pubblico, possano vedere un giorno chiarite le responsabilità di chi ha sbagliato, in tutti i vari livelli, politico, amministrativo, tecnico”. “Questa iniziativa di segnalazione alla Magistratura ordinaria e contabile – conclude Settanni – è l’espressione del legittimo dovere di vigilanza di chi ha ricevuto la fiducia dei concittadini. Siamo convinti che anche le altre forze di opposizione si uniranno a noi nella vigilanza sulle attività che consentiranno di ripristinare la piscina comunale. Per quanto concerne la maggioranza, non possiamo che esprimere approvazione per questa delibera di Giunta che, replicando tardivamente la nostra iniziativa di legalità, dimostra che noi ci eravamo già incamminati da subito sulla giusta strada e costituisce la prova che la presenza in Consiglio Comunale di un consigliere del Movimento 5 Stelle, consenta che le cose siano fatte con serietà, scrupolosità e coerenza”.

ULTIME NEWS