Pubblicato il

Neonato deceduto al San Paolo: si vuole fare chiarezza

Neonato deceduto al San Paolo: si vuole fare chiarezza

Domani il riscontro diagnostico. La Regione ha chiesto un audit clinico per avere risposte 

CIVITAVECCHIA – Si vuole fare chiarezza sul dramma avvenuto all’ospedale San Paolo. Domani, infatti, verrà eseguito il riscontro diagnostico sul neonato deceduto martedì a sole due ore dal parto, un esame richiesto dalla stessa Asl Roma 4 per avere risposte certe. L’annuncio è arrivato nella tarda serata di martedì proprio da Alessandro Lena, dirigente di Ginecologia e Ostetricia della Asl Roma 4, e dal direttore generale Giuseppe Quintavalle. Un parto come tanti, una nascita che, come hanno spiegato, si è svolta regolarmente: poi il peggioramento.

Non c’è stato nulla da fare, nonostante l’assistenza intensiva messa in campo dall’equipe del San Paolo a due ore e venti dalla nascita il neonato è deceduto. Una notizia che ha scosso l’ambiente ospedaliero e la città, scatenando una miriade di domande. Centinaia i messaggi di vicinanza e solidarietà alla famiglia espressi in queste ore dalla cittadinanza e dalle autorità, un modo per cercare di stare vicino ai genitori in questo momento di estrema difficoltà. Ipotesi e dubbi che si affollano e ora l’intento è quello di capire, di fare chiarezza una volta per tutte su questo dramma. Anche l’assessorato alla Sanità e all’integrazione sociosanitaria della Regione Lazio ha richiesto alla direzione sanitaria dell’azienda un audit clinico. «La relazione – spiegano dalla Pisana – servirà a verificare clinicamente le modalità operative attuate. Ai famigliari vanno il cordoglio e le condoglianze dell’amministrazione regionale».

Resta comunque il dolore della famiglia e il bisogno di sapere. L’umanità dietro la professione che ti porta ad analizzare e rivedere la scena mille volte, eppure «da parte del personale ostetrico, anestesiologico e pediatrico – hanno detto Lena e Quintavalle – sono state messe in atto tutte le procedure richieste dal difficile caso». Sicuramente le prime risposte potranno arrivare dopo il riscontro diagnostico di oggi che si spera possa rispondere alle mille domande e dubbi che sorgono spontanei davanti ad eventi simili.

ULTIME NEWS