Pubblicato il

Consiglio comunale: tanti dubbi su Talete e Medio Tirreno

Consiglio comunale: tanti dubbi su Talete e Medio Tirreno

TARQUINIA – Consiglio comunale ieri in tarda mattina a Tarquinia. Subito, in primo piano, la questione Cornavirus con il sindaco Alessandro Giulivi che ha illustrato le disposizioni del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. A seguire lo spinoso tema relativo al Medio Tirreno che ha visto un acceso dibattito per via anche della   discordanza tra la lettera inviata dalla Regione al Comune e le recenti dichiarazioni dei consiglieri regionali Blasi e Porrello circa il mantenimento del Medio Tirreno.
“La Regione Lazio, – ha detto il sindaco Giulivi – dopo la nostra lettera di chiarimenti del 19 febbraio, ha risposto due giorni fa, dicendo che l’acquedotto Medio Tirreno deve essere messo in liquidazione poiché la Regione non ritiene che sia uno dei Consorzi che possa comunque continuare ad operare nell’ambito dell’Ato. Queste sono le disposizioni di legge, quindi poi andremo a fare gli atti consequenziali in base a quello che ci dice la Regione. Ad oggi di comunicazione ufficiale abbiamo solo questo”.
Il consigliere Maurizio Conversini  ha chiesto al sindaco di “trattare” con Talete. “Non è possibile – ha detto –  che Medio Tirreno vende acqua alla Talete a 0,39 centesimi al metro cubo e Talete poi ce la rivende ad un euro al metro cubo”, con Giulivi che ha spiegato di non poter intervenire in questo senso, ribadendo invece il suo voto favorevole a Talete solo condizionato all’erogazione dei 40 milioni da parte di Arera e all’apertura degli uffici Talete a Tarquinia, che a quanto pare aprirà  per tre giorni al mese a partire da marzo.
Moscherini ha invitato ad un confronto serio in un consiglio comunale apposito “per ragionare concretamente su Talete, acqua e azienda speciale e per confezionare una proposta definitiva che corrisponda alle esigenze dei cittadini”.
Il  sindaco ha però suggerito di attendere il prossimo mese, e nello specifico l’ordine del giorno per l’approvazione del bilancio di Talete. Acceso anche il dibattito tra il consigliere Celli e Conversini su quanto avvenuto in  passato sulla gestione del servizio idrico con Celli che ha invitato tutti a ” non ragionare con la pancia”.
Il presidente del consiglio comunale Federica Guiducci ha poi  ricordato all’assemblea l’incontro pubblico di lunedì 2 marzo sull’inceneritore e ha fatto anche le congratulazioni al neo dottore Federico Ricci.
Dopo un passaggio su alcuni arredi della sala del consiglio – forniti dallo stesso sindaco – , con la richiesta di Conversini di elaborare una dichiarazione scritta di comodato d’uso gratuito, – . il consiglio ha iniziato ad affrontare tutti i punti all’ordine del giorno con relativa approvazione.
Via libera all’unanimità al Piano operativo annuale relativo all’esercizio 2020 della Tarquinia Multiservizi srl con i complimenti al presidente Ruggiero Acciaresi. Sul regolamento di Polizia urbana della città di Tarquinia diverse obiezioni sollevate da Conversini su recinzioni, ingressi per i capannoni, orari in cui è possibile lavorare in un cantiere, parcheggi tolti ai dottori. Approvati inoltre il Regolamento per l’uso della sala consiliare, le mozioni sulla celebrazione della giornata internazionale delle persone con disabilità, prevista per il 3 dicembre, e il progetto di raccolta dei mozziconi di sigarette. Unanimità infine per le concessioni di cittadinanza onoraria a Liliana Segre, Lello Dell’Ariccia, Egea Haffner e Giuseppe Antoci.
 

ULTIME NEWS