Pubblicato il

Futuro di Tvn, i sindacati: ''Serve un progetto produttivo''

CIVITAVECCHIA – A pochi giorni dal tavolo al Ministero dello Sviluppo Economico sul phase out dal carbone per la centrale nel di Torrevaldaliga nord e, di conseguenza, sul futuro sviluppo del territorio di Civitavecchia, incontro al quale hanno preso parte, tra gli altri, rappresentanti del ministero dell’Ambiente, delle istituzioni locali, Enel, sindacati, forze produttive, autorità portuale e numerose associazioni ambientaliste, Cgil, Cisl e Uil regionali, unitariamente, hanno cercato inquadrare lo scenario e il percorso. «Una prima riunione di approfondimento sulla transizione energetica che interesserà il territorio di Civitavecchia – hanno spiegato i sindacati – Enel ha confermato l’uscita dal carbone, annunciando la realizzazione di due turbogas a Tvn. Quindi ha illustrato alcune iniziative in essere anticipando la disponibilità ad approfondire un progetto produttivo da elaborare sul territorio».
I sindacati hanno fatto presenti «le gravi conseguenze occupazionali che l’uscita dal carbone sta già comportando» e hanno chiesto al Mise «la disponibilità a istituire una cabina di regia che sin da ora si faccia garante dell’elaborazione di un progetto teso alla bonifica del territorio, alla riconversione industriale delle aziende metalmeccaniche». I filoni sui quali lavorare per ricollocare i metalmeccanici che non lavoreranno più alla centrale sono diversi: da interventi sul porto di Civitavecchia, «a partire dall’elettrificazione delle banchine e dalla cantieristica navale», senza dimenticare «infrastrutture, ferrovia dei due mari e la trasversale di Civitavecchia, insieme alla valorizzazione del patrimonio archeologico e termale». Il Mise ha preso l’impegno di approfondire, di “proseguire l’analisi”. 
Intanto, a Tvn, i 460 operai chiedono di conoscere quello che sarà il loro futuro e in che modo potranno essere reimpiegati. Certo è che con il passaggio al gas, senza altri interventi alternativi e sostanziali, si rischiano di perdere troppi posti di lavoro. 

 

ULTIME NEWS