Pubblicato il

Anche a distanza si può con #Ho donato perchè…

Anche a distanza si può con #Ho donato perchè…


CIVITAVECCHIA – Questa forzata permanenza in casa è sicuramente difficile per tutti, soprattutto in considerazione delle belle giornate che stanno caratterizzando questo periodo primaverile che invitano a passeggiare lungo il litorale, nei prati o semplicemente per la città. Ma le restrizioni imposte a causa di questo ‘maledetto virus’, che implacabilmente ha stravolto l’esistenza del nostro pianeta portando dolori, morte e sofferenze, se non sono facilmente sopportabili per gli adulti figuriamoci per i bambini, certamente non avvezzi a rimanere costretti in casa, impegnati normalmente in tante attività quotidiane anche extrascolastiche. Difficile per i genitori tenerli a bada, vispi e pronti ad andare incontro al mondo, non senza difficoltà riescono a tenerli a freno inventandosi ogni giorno attività diverse. In loro soccorso tanti insegnanti che in questo periodo di ‘insegnamento a distanza’ ce la mettono davvero tutta per dar loro conforto coinvolgendoli in tante iniziative diversificate,consentendogli di trascorrere la giornata tra gioco, attività didattiche e studio in maniera più leggera e divertente, facendo in modo di dimenticare quel che fuori aleggia con grande pesantezza per tutti.

Encomiabile l’opera delle maestre Emanuela Suma e Patrizia Vincenzi che con tanto amore e passione seguono i propri piccoli alunni della 3^ e 5^ B tempo ridotto del plesso “R. Borlone” di Aurelia, non solo in questa circostanza ma da sempre. Questi ‘angeli della scuola’, così come tanti altri colleghi e colleghe stanno facendo in questo momento sul nostro territorio e nell’intero paese, attraverso un video hanno voluto testimoniare l’importanza di donare e donarsi al prossimo. Lo scorso mese di marzo i piccoli studenti, sotto la guida delle loro amate insegnanti Emanuela e Patrizia, hanno dato vita ad un emozionante cortometraggio semplice ma efficace dal titolo #HO DONATO PERCHE’…, allo scopo di coinvolgere in questo nobile gesto il maggior numero di persone possibile per raccogliere donazioni in favore dell’ospedale San Paolo di Civitavecchia e della ASL RM4. L’opera di questi piccoli grandi bambini vuole rappresentare un input sociale che spinga anche i più scettici a contribuire, affinchè i sanitari del territorio possano operare in sicurezza per il bene della comunità intera. Il video è stato realizzato con l’ausilio di altre persone che si sono spese in prima persona per la realizzazione musicale, dei testi e di tutto l’occorrente per far emergere un prodotto di sicuro effetto che risvegli le coscienze di tutti.

“Siamo state felici di essere virtualmente al fianco dei nostri bimbi, – raccontano con orgoglio le maestre Emanuela Suma e Patrizia Vincenzi – ed è stato davvero emozionante condividere le stesse sensazioni nel medesimo istante, vedendo in contemporanea il video realizzato ciascuno dalla propria abitazione. Si è trattato di un momento di grande comunione, che ci ha fatti sentire tutti più vicini stringendoci virtualmente in un profondo e commosso abbraccio, che manca ormai da troppo tempo. I bambini stanno lavorando con noi docenti attraverso la D.A.D., attraverso la quale cerchiamo con leggerezza e in ogni maniera possibile di ricondurre i pensieri dei nostri cuccioli su cose positive, coinvolgendoli in attività distensive che consentano loro di ‘imparare giocando’. Oltre a questo video, che auspichiamo abbia tanti riscontri perchè rivolto a tutta la nostra comunità e non solo, abbiamo realizzato anche tante altre iniziative come #bolle sul balcone, la merenda al tempo dei nonni, tante altre sono in cantiere per sorridere e sentirci ancora più vicini ai nostri ragazzi, che a casa fremono per tornare a correre mano nella mano, a sorridere e ad abbracciarsi con la naturalezza di sempre, accantonati a causa di questa emergenza sanitaria che ci tiene distanti e pensierosi. Cercheremo di condividerle con tutti, affinchè questo triste periodo trascorra il più serenamente possibile, sperando che quanto prima si possa tornare a confrontarci gli uni con gli altri in un caldo ed accogliente abbraccio, scambiandoci quei baci che, con tanta naturalezza, confortavano i nostri cuori e che non abbiamo dimenticato”.

VIDEO

ULTIME NEWS