Pubblicato il

Addio a Remo Ercolani

Addio a Remo Ercolani

Tutta la comunità di Allumiere piange la scomparsa di un uomo conosciuto in paese per il suo costante impegno nel sociale
Da tutti è ricordato come uno degli ultimi butteri. È stato uno degli organizzatori delle molte manifestazioni equestri
 


ALLUMIERE – Tutta la comunità di Allumiere piange la prematura scomparsa di Remo Ercolani un grande uomo che per tutta la vita è stato sempre impegnato nel sociale. Domenica mattina nella RSA ”Quinta Stella” di Tolfa Remo Ercolani ha esalato domenica il suo ultimo respiro; da qualche tempo, infatti, l’uomo era ricoverato nella struttura tolfetana a causa dell’alzheimer. Lunedì la salma di Ercolani dalla ”Quinta Stella” è stata portata in piazza della Repubblica davanti al Comune dove c’è stato il picchetto d’onore dei vigili urbani, della Prociv e della Croce Rossa alla presenza del sindaco Antonio Pasquini e c’era anche il parroco don Stefano che ha benedetto la salma; da qui è stato portato al cimitero e posto nella camera mortuaria poi ieri mattina gli operai hanno preparato il posto e nel pomeriggio lo hanno tumulato. Remo Ercolani è stato per anni un bravissimo muratore e sapeva fare di tutto; poi con la sua caparbietà e grinta da privatista studiò tanto e prese la licenza di terza media e così partecipò al concorso nelle ferrovie e lo vinse e da quel momento in poi la sua vita fino a quando non andò in pensione è legata alle ferrovie. Ha fatto parte del coro parrocchiale per tantissimi anni fino a smettere 3 anni fa; è stato impegnato con l’Azione Cattolica e ha interpretato molte volte il ruolo di Pilato nelle rappresentazioni sacre con l’azione Cattolica, ma la sua passione più grande per cui tutti in paese lo conoscono era il cavallo. Nel 2000 vinse il Torneo Regionale dei Butteri con il Rione Sughera. È andato a cavallo una vita. È stato un padre modello e non ha fatto mai mancare nulla ai figli ed è stato anche un marito esemplare e fedele: con sua moglie (deceduta 10 mesi fa) ha condiviso ben 61 anni di vita: il grande amore fra i 2 coniugi è stato trasmesso ai loro figli. Ercolani ha fatto servizio per anni nella Proloco nel consiglio direttivo ed è stato un membro importante per l’organizzazione del Palio. Ha anche fatto tanto del bene in segreto aiutando secondo le sue possibilità chi ne aveva bisogno. In paese gli volevano bene tutti perché era buono, preciso, serio, impagabile e faceva tutto con passione con attenzione. Scriveva anche poesie e tra gli allumieraschi è rimasta molto famosa quella scritta in occasione del furto del Bambinello. Rammaricato anche il sindaco Antonio Pasquini: “Non ho potuto partecipare lunedì all’incontro dei sindaci perchè ho voluto essere presente all’arrivo della salma di Remo Ercolani perché è stato un uomo che ha fatto tanto per il paese. È sempre stato attivo nelle manifestazioni e nelle attività del paese; nel passato è stato un punto di riferimento della nostra comunità. A nome mio e di tutta l’amministrazione comunale ci stringiamo ai figli di Remo Ercolani e alla sua famiglia: a loro e al nostro assessore Tiziana Cimaroli (nipote di Ercolani) sincere condoglianze”. Tiziana Franceschini presidente uscente della Pro Loco scrive: “Ercolani era una persona molto semplice, molto attivo nel sociale, sia come membro per molti anni del consiglio direttivo della Pro Loco di Allumiere, di cui è stato anche vice presidente dal 2005 al 2008, che come presidente dell’Associazione ippica “Pietraliscia” che ha contribuito a riscoprire il piacere delle escursioni a cavallo nel nostro territorio. Dipendente delle FS, da tutti è ricordato come uno degli ultimi butteri di Allumiere, visto che fin da ragazzino ha praticato questo mestiere/passione insieme al padre. È stato uno degli organizzatori delle molte manifestazioni equestri che si tenevano ad Allumiere. È stato una delle primissime persone che ho conosciuto quando sono entrata in Pro Loco e, anche se per pochi anni, ho avuto la fortuna di imparare molto da lui, specialmente per quello che riguardava il mondo dei cavalli e delle manifestazioni ad essi collegate. Lo ricordo caramente, anche perché oltre all’attivismo in Pro Loco, condividevamo l’amore per il mondo dei butteri, visto che mio nonno faceva proprio questo mestiere e che lui lo conosceva molto bene”. Anna Pesce per anni presidente della Pro Loco e molto amica di Ercolani scrive: “Sono diventata Presidente della Pro Loco di Allumiere nel giugno del 1995, nel direttivo fu eletto anche Remo, lo conoscevo di vista perché era sempre presente e attivo alle varie corse di cavalli e asini, lo avevo soprannominato Penna Bianca non sapendo, non essendo io di Allumiere, che lui un soprannome già lo aveva. È stato con me in Proloco per tanti anni ed ha ricoperto egregiamente anche il ruolo di Vicepresidente. La sua fattiva collaborazione è stata sempre preziosa ed è stato amato a stimato da tutti! Con lui in associazione portava a lavorare anche la Maria, sua moglie e la straordinaria Alessandra, sua figlia (la sede della Proloco non è mai stata pulita come quando c’era lei). Remo per me è stato un amico sincero; un collaboratore molto educato, serio, disponibile, responsabile: qualunque incarico lo portava a termine anche con sacrificio. Sono stati anni in cui abbiamo fatto tante belle iniziative e lui non si tirava mai indietro, non gli piaceva andare in giro ma per amore di Allumiere e della proloco veniva con me alle assemblee e agli incontri e manifestazioni in tutta Italia. Voglio ricordarlo con quel suo dolce sorriso”. Marilena Grassi scrive invece: “È stato per più di 15 anni nel coro ”Don Giulio Artebani” diretto da don Vito Mandolini aveva il ruolo di tenore ed era sempre assiduo nel presenziare alle prove. Era una persona gentilissima e molto disponibile; aveva sempre il sorriso sulle labbra ed era pronto al saluto. È un amico che ci mancherà molto”. Tantissimi i messaggi di cordoglio da parte di tanti allumieraschi che non dimenticheranno Remo. 
 

ULTIME NEWS