Pubblicato il

Ritiro sfalci e ramaglie, un cittadino chiede lumi all’assessore

Ritiro sfalci e ramaglie, un cittadino chiede lumi all’assessore

CIVITAVECCHIA – Sul servizio predisposto da CSP relativamente al ritiro di sfalci e ramaglie a domicilio derivanti da potature e manutenzione del verde ad opera di privati, un cittadino un cittadino chiede all’assessore Magliani evidenziando la scarsa utilità del servizio medesimo e la necessità di apportare migliorie per renderlo realmente fruibile alla cittadinanza.  

“Ill.mo assessore Magliani, – scrive l’utente – con la presente mi permetto rispettosamente di segnalare l’assoluta inadeguatezza del servizio di raccolta sfalci a domicilio con tanta enfasi annunciato anche sugli organi di stampa locali lo scorso 2 aprile. Infatti, avendo la necessità di smaltire gli sfalci del mio giardino, il 6 e 7 aprile scorso ho inutilmente tentato di prenotarne il ritiro al domicilio effettuando oltre 20 telefonate allo 0766370035 di CSP, ma non sono mai riuscito a parlare con l’operatore.

Sono allora ricorso alla compilazione del Form presente sul sito internet aziendale www.civitavecchiaservizipubblici.it dove ho riscontrato (il 7 aprile!) che le uniche date disponibili erano il 22 ed il 29 maggio, ovvero con un tempo di attesa non inferiore a 45 giorni solari. Nella mattina di mercoledì 8 u.s. ho allora contattato l’ing.Della Corte del Servizio Ambiente che, previa verifica di quanto da me sostenuto, ha provveduto a segnalare il problema a CSP.

Ad oggi non mi è giunto alcun riscontro, gli sfalci accumulati iniziano ad imputridirsi e probabilmente nelle prossime settimane a Civitavecchia, superata l’emergenza COVID19, temo passeremo ad altra emergenza sanitaria se, come verosimile, non sarò l’unico cittadino a mantenere in giacenza per 6-7 settimane sfalci e potature non diversamente smaltibili. Per completezza di informazione, segnalo che ad oggi il servizio di raccolta sfalci a domicilio è ancora ben pubblicizzato nella Homepage del sito di CSP, ma non è possibile effettuare prenotazione per mancanza di date disponibili. Mi sembra evidente l’assoluta inutilità, ad oggi più correttamente insussistenza, di un servizio al quale non esistono alternative, avendo avuto conferma dagli addetti al ritiro porta a porta di CSP che hanno avuto disposizione di non ritirare più sfalci deposti insieme all’umido (ossia nelle giornate di lunedì, mercoledì e sabato). Fiducioso nell’operato suo e dell’Amministrazione di cui fa parte, resto in attesa di cortese riscontro e saluto cordialmente. S.T.”.

ULTIME NEWS