Pubblicato il

Tortoriello (Unindustria): “Le aziende rispettano  standard sicurezza ora riaprire”

Tortoriello (Unindustria): “Le aziende rispettano  standard sicurezza ora riaprire”

ROMA – “Durante queste settimane di emergenza sanitaria nel Lazio il 37,3% delle aziende sono sempre state aperte, il 36,1% ha avuto una chiusura parziale, mentre il restante 26,6% è rimasto chiuso. A livello nazionale i numeri dicono che è rimasto sempre aperto il 29.7% delle aziende, aperte parzialmente il 33,8% mentre sono rimaste chiuse il 36,5%”. 

E’ quanto ha evidenziato Filippo Tortoriello, Presidente di Unindustria, durante la videoconferenza sulle linee guida che la Regione Lazio vuole dare per la ripartenza.  Dai dati si evince dunque che il 73,4% delle aziende, tra quelle aperte e parzialmente aperte, sono rimaste operative e tra queste, non risulta nessun caso di Coronavirus. E’ un dato molto rilevante soprattutto se confrontato con quelli nazionali. Un altro dato molto significativo è che lo smart working nella Regione Lazio è stato utilizzato dal 45% della forza lavoro, contro una media nazionale del 26,4%. Questo dato nel Lazio si spiega con la prevalenza di un forte comparto di Information Technology.

“I numeri – osserva il numero uno di Unindustria – dimostrano in maniera inequivocabile come le aziende del tessuto produttivo laziale abbiano applicato in maniera rigorosa gli standard di sicurezza, già prima del protocollo siglato tra le parti sociali ed il Governo dello scorso 14 marzo. Le aziende possono dunque garantire in maniera molto affidabile la sicurezza dei propri lavoratori;  abbiamo quindi chiesto che tutte le aziende possano riaprire e ripartire quanto prima dando il via alla Fase 2. Condividiamo pienamente le 5 p – prudenza, protezione, prevenzione, piccoli passi, progettualità che ha indicato il Vice Presidente della Regione Leodori, come basi per la riapertura progressiva”.

Tortoriello, durante il suo intervento, ha richiamato l’attenzione sul tema primario dei trasporti, che sono la conditio sine qua non per ripartire, garantendo misure stringenti di sicurezza per evitare la non diffusione del virus ed un servizio efficiente per tutti i cittadini.

 

ULTIME NEWS