Pubblicato il

Al vaglio l’ipotesi di aprire le spiagge solo per fare sport e passeggiate

Il sindaco Pietro Tidei anticipa le prossime disposizioni: «Vietato fare il bagno. Niente assalti agli arenili»

Il sindaco Pietro Tidei anticipa le prossime disposizioni: «Vietato fare il bagno. Niente assalti agli arenili»


S. MARINELLA – Da una settimana S. Marinella non registra più casi di nuovi positivi. Dunque, ad oggi, le persone in quarantena in casa perché infettate, sono solo 13, 18 in meno rispetto a dieci giorni fa. Sicuramente una fase positiva per la città e soprattutto un risultato ottenuto per l’alto senso civico dei residenti che rispettano fedelmente le misure precauzionali messe in atto dal governo e dalle ordinanze del sindaco che, in prima persona, ha saggiato gli effetti di questo terribile virus. «Siamo in una fase di passaggio, tra la necessità di tenere tutto chiuso e la voglia di riaprire le attività commerciali – dice il sindaco Tidei – dopo due mesi di detenzione in casa, la gente vuole uscire, mentre le attività commerciali, gli stabilimenti balneari, i ristoranti e i negozi stanno in crisi. Capisco le esigenze di tutti, di chi vuole tornare a recuperare risorse economiche e chi vuole invece andare in giro. Noi però dobbiamo contenere il virus che, grazie alla cittadinanza, siamo riusciti a limitare con soli 13 positivi. Abbiamo distribuito 20mila mascherine e 20mila guanti. Dunque la gente quando esce di casa per andare a comprare le medicine o a fare spesa, deve metterle. Se le cose migliorano, si può allentare la pressione. Abbiamo riaperto il cimitero e a coloro che entrano misureremo la temperatura. Con l’apertura del cimitero sono tornati a vendere i negozi di floricoltura del posto. A breve riapriremo i parchi e i giardini, mentre il problema è quello delle spiagge. Per la prossima settimana ho convocato una riunione di maggioranza per vedere se possiamo riaprire gli stabilimenti balneari solo per fare attività sportiva e le passeggiate. Penso che il problema saranno i villeggianti che verranno da Roma e vedrete che dal 4 maggio le spiagge saranno prese d’assalto. Dunque pensiamo di aprire gli arenili dal lunedì al venerdì, solo per fare sport e passeggiare, non si potranno però fare i bagni. Gli sportivi dovranno avere la mascherina perché è obbligatoria e mentre corrono possono abbassarla, ma finito l’allenamento va rialzata. Saranno vietati gli assalti alle spiagge, sarà vietata la pesca con la canna, sarà vietato fare i bagni, così come dice la Regione Lazio. Quindi l’apertura degli stabilimenti per ora vale per cinque giorni a settimana, dal lunedì al venerdì perché il sabato e la domenica sarà impossibile controllare la gran massa di villeggianti che verranno a Santa Marinella. Entro un mese vogliamo portare a zero il numero dei positivi, però dobbiamo proseguire con queste regole. Il mercato probabilmente lo riapriremo ma i banchi dovranno stare alla distanza prescritta. Questa – conclude il sindaco – è una fase difficile, mi dispiace per i bar e i ristoranti che potranno vendere prodotti da asporto, ma se dovessero aumentare di nuovo i positivi per noi sarebbe una tragedia”.
 

ULTIME NEWS