Pubblicato il

Ruben, tutta la solidarietà dell’associazione

Ruben, tutta la solidarietà dell’associazione

Donati due defribrillatori: uno alla scuola media del paese e il secondo alla Nic Design Srl

Condividi

BLERA – Tutti ricordano il sorriso buono di Ruben Ciarlanti, il 22enne scomparso il 29 settembre a causa di un malore improvviso durante una partita. E, in nome di quel sorriso, l’associazione che porta il suo nome sta muovendo i suoi primi passi: la scuola di Blera e la Nic Design Srl sono adesso due realtà cardioprotette.

«Pochi giorni fa è iniziata la nostra mission principale – spiegano dall’associazione -, installare defibrillatori in tutta la provincia di Viterbo e non solo. Abbiamo iniziato da Blera e più precisamente dal plesso scolastico delle scuole medie, dove alla presenza del sindaco Nicola Mazzarella e della dirigente scolastica Deborah Puntel, abbiamo dotato la scuola di un nuovo defibrillatore. Oltre alla Cri – aggiungono dall’associazione -, con la quale operiamo a stretto contatto, ringraziamo i colleghi di Ruben della Formasal, la classe del ’66 di Blera e alcune delle vecchie glorie della Viterbese Calcio che hanno contribuito economicamente all’iniziativa». «Il nostro secondo defibrillatore – proseguono dall’associazione – è stato installato a Castel Sant’Elia presso lo stabilimento della Nic Design Srl, che, oltre a ringraziare per il contributo economico, ha dimostrato da subito una spiccata sensibilità alla tematica e grande coinvolgimento nei confronti della nostra associazione». Per un corretto utilizzo del defibrillatore, entrambe le nuove dotazioni sono state preventivamente anticipate da corsi di formazione, sia del personale scolastico che del personale della Nic Design Srl. «Rriteniamo assolutamente prioritario lo svolgimento dei corsi – sottolineano dall’associazione -, senza i quali i defibrillatori potrebbero tramutarsi in semplici oggetti d’arredo. Le prossime tappe ci vedranno impegnati, per nuove installazioni e nuovi corsi, a Civitavecchia, Vetralla e Blera, non tralasciano interlocuzioni con dirigenti scolastici, associazioni sportive, enti pubblici/privati e quanti si mostreranno sensibili alla problematica, al fine di dotare i luoghi ad alta intensità di persone (sia di lavoro che di svago) di un apparecchio defibrillatore, sempre accompagnati da corsi preparatori, per i quali ci avvaliamo della preziosa collaborazione del Centro di formazione e salute di Viterbo».

«Ringraziamo quanti si sono mostrati già attenti alla nostra associazione, provvedendo con contributi economici oppure destinando il 5X100, mettendoci in condizioni di farci svolgere nel migliore dei modi la nostra attività; ringraziamo anticipatamente quanti vorranno farlo (riferimenti nella nostra pagina Facebook)», concludono dall’associazione.


Condividi

ULTIME NEWS