Pubblicato il

Nuovo asilo nido a Parco Leonardo: ma in Aula scoppia la polemica sulla concessione al privato

Nuovo asilo nido a Parco Leonardo: ma in Aula scoppia la polemica sulla concessione al privato

FIUMICINO - A suon di polemiche e di botta e risposta, il Consiglio comunale di Fiumicino ha approvato la delibera per la realizzazione di un asilo nido a Parco Leonardo. Un provvedimento arrivato dopo oltre un’ora di dibattito tra i consiglieri ...

Condividi

FIUMICINO – A suon di polemiche e di botta e risposta, il Consiglio comunale di Fiumicino ha approvato la delibera per la realizzazione di un asilo nido a Parco Leonardo.

Un provvedimento arrivato dopo oltre un’ora di dibattito tra i consiglieri di maggioranza e opposizione che hanno visto scontrarsi sulla possibilità paventata nella conferenza dei Capigruppo della gestione privata del futuro asilo che sarà realizzato con soldi pubblici.

I dem hanno chiesto un impegno alla nuova Giunta affinché sia gestito dal pubblico. A questo odg la maggioranza ha replicato che «è troppo presto per fare una scelta di questo tipo».

«È però significativo che uno dei primissimi atti della nuova amministrazione di centrodestra sia l’approvazione di una delibera per la realizzazione di un asilo nido a Parco Leonardo. L’avevamo promesso, l’abbiamo fatto», dice Federica Poggio, capogruppo lista civica ‘Baccini Sindaco’.

«Con l’ok del Consiglio comunale – spiega la Capogruppo – possiamo procedere velocemente e avviare l’iter per dare a questo quartiere un servizio che mancava. Parliamo del comprensorio con le liste di attesa più alte dell’intero Comune di Fiumicino. I fondi saranno in parte comunali e in parte acquisiti dal Pnrr. Mentre i costi di gestione verranno quasi interamente coperti dallo Stato a partire dal 2025. Anche se è possibile valutare una partnership ‘pubblico/privata’».

«La strada per garantire a tutte le famiglie l’opportunità di fruire di scuole comunali è ancora lunga. Scontiamo 10 anni di negligenze – conclude Poggio -. Nessuno ha la bacchetta magica, ma questa delibera rappresenta un segnale importante. Ringrazio a tal proposito il sindaco Baccini, gli assessori competenti e tutto il Consiglio Comunale per aver portato a casa un risultato importantissimo.

Diamo ufficialmente il via a questa nuova amministrazione e lo facciamo nel modo migliore».

Dalle fila della minoranza si alza però ancora la polemica: «Come consiglieri di opposizione del Comune di Fiumicino abbiamo presentato un Ordine del giorno in aula consiliare per promuovere la gestione diretta del futuro asilo nido di Parco Leonardo».

La giunta guidata dal sindaco Baccini, spiegano i dem, «ha approvato il 5 giugno una delibera che da mandato all’Amministrazione comunale di partecipare alla richiesta di finanziamento tramite il Pnrr per la costruzione di un nuovo asilo nido. In aula abbiamo presentato un Ordine del giorno per chiedere al Sindaco e gli Assessori competenti di prendere l’impegno di garantire la gestione pubblica di questo asilo non considerando l’ipotesi di una concessione della struttura ai privati. La maggioranza ha votato contro la gestione pubblica della struttura , che vogliamo ricordare, sarà costruita attraverso fondi dello stato».

«In questi anni – sottolineano – abbiamo realizzato nuovi edifici e nuove aule con il preciso indirizzo politico di voler sempre garantire la gestione diretta dell’insegnamento ed educazione nel nostro territorio, anche attraverso l’assunzione diretta di 80 unità tra insegnanti ed educatrici. Nelle linee programmatiche del nuovo Sindaco, è più volte ripetuta la volontà di voler internalizzare i servizi pubblici essenziali, per tale motivo ci risulta molto ambigua e poco coerente l’ipotesi di una gestione privata di un servizio così importante come un asilo nido».

«Crediamo sia indispensabile la valorizzazione del ruolo del settore pubblico nella fornitura di servizi educativi di alta qualità. La gestione diretta dell’asilo nido rappresenta un’opportunità unica per garantire un maggiore controllo sulle politiche educative, l’organizzazione degli spazi e l’assunzione di personale qualificato. Già dai primi passi si palesano incoerenze e bugie dell’azione di governo del centrodestra», concludono.


Condividi

ULTIME NEWS