Pubblicato il

Sventolano le bandiere del Palio delle Contrade

Sventolano le bandiere del Palio delle Contrade

ALLUMIERE - Ad Allumiere a pochi giorni da quello che è l'evento clou dell'anno, quello che fa battere i cuori, provare mille emozioni, il Palio delle Contrade che quest'anno giunge alla sua 57^ edizione, sventolano le bandiere colorate delle sei ...

Condividi

ALLUMIERE – Ad Allumiere a pochi giorni da quello che è l’evento clou dell’anno, quello che fa battere i cuori, provare mille emozioni, il Palio delle Contrade che quest’anno giunge alla sua 57^ edizione, sventolano le bandiere colorate delle sei Contrade che domenica 20 si sfideranno. Prima del Palio, però, sta per cominciare una settimana ricca di appuntamenti che prenderà il via con la “Notte del Cencio” martedì 15 agosto, dove verrà presentato ufficialmemte dal balcone del Palazzo Comunale il Cencio dell’edizione 2023 realizzato dall’artista Maria Luisa Taranta. Seguirà poi un’intensa settimana di “Cene del Contradaiolo” presso la piazzetta principale di ciascuna contrada. Ad aprire la rassegna delle cene sarà il 16 agosto la Contrada La Bianca (ore 20.30 nel piazzale don Egidio Smacchia; animazione Paolo Visciola). Venerdì 17 al via le cene delle Contrade Sant’Antonio (ore 20.30, nel piazzale Cesare Moroni, animazione dj Alberto Galli), Burò (ore 20.30 in piazza Gramsci con musica dal vivo con Manolo) e Nona (ore 20.30 nel giardino della scuola elementare con l’animazione di Dudu Piero Monaldi). Si proseguirà il 18 con le cene della Contrada Ghetto (ore 20.30 nel parcheggio multipiano di Monte Roncone con l’animazione del dj Alberto Galli) e Polveriera (ore 20.30 in piazza Agostino Chigi con l’animazione del dj Manilo). Venerdì 17 agosto alle 19.15 nella parrocchia di Santa Maria Assunta in cielo sarà celebrata la Messa del Palio. Sabato 19 sarà la volta della “Provaccia”, della disputa del Mini Palio e le imperdibili feste delle Contrade per le vie di tutto il paese: una serata di grande divertimento che ogni anno richiama molti turisti. Domenica 20, fin dalle prime ore del mattino, si susseguiranno tutti i riti e le procedure tipiche di questa manifestazione fino ad arrivare al pomeriggio con il Palio delle Contrade che consta di tre grandi elementi: il corteo storico, la gara degli sbandieratori e poi le tre batterie della corsa dei somari per contendersi il Cencio del Palio delle Contrade 2023. Al termine della competizione prenderà il via la festa nella Contrada vincente. Intanto Comune, Pro Loco, associazione delle Contrade e i tanti volontari sono all’opera per organizzare al meglio questa edizione.
Mentre il sindaco con la polizia locale, le varie forze dell’ordine e la Prociv stanno organizzando la task force per rendere tutto in sicurezza e garantire un buon piano viabilità, il delegato al Palio, Augusto Superchi, è a lavoro per la riuscita della manifestazione. Esperto ed appassionato del Palio, è figlio del compianto Angelo Superchi che tanto ha fatto per questa manifestazione. «È il secondo anno che ricopro l’incarico di delegato al Palio ma l’emozione è la stessa dello scorso anno, anzi forse con l’esperienza maturata in questi mesi è aumentata – spiega Superchi – Siamo ormai a pochi giorni dal Palio e con l’amministrazione, gli uffici, le Contrade e la Pro Loco, stiamo definendo gli ultimi dettagli per riuscire a portare in piazza un evento di livello, sperando di superare i risultati eccellenti della scorsa edizione. Quello che si vedrà, però, è il frutto di un anno intero di lavoro, da parte mia e delle Contrade, oltre che degli altri organizzatori. Infatti insieme ai presidenti delle sei Contrade e all’associazione delle Contrade ho lavorato nei mesi scorsi per formulare e mettere a punto il regolamento che è stato approvato per l’edizione 2023, che apporta qualche cambiamento sostanziale, come la giuria di gara composta da esperti nell’ambito dei Palii non appartenenti però né all’organizzazione del Palio né delle Contrade, e qualche cambiamento formale. Il dialogo che ho avuto con i presidenti e con l’associazione è stato molto importante, perché mi ha dato modo di confrontarmi con loro, di crescere in questo ruolo, che a volte è stato quello di mediazione con l’amministrazione comunale e con altri enti, ma soprattutto mi ha permesso di capire le problematiche post covid che stanno affrontando le Contrade ed il mondo del Palio. L’edizione di quest’anno sicuramente ci vedrà crescere come organizzazione, sicuramente ci sarà sempre qualcosa da migliorare e da perfezionare per il prossimo anno ma, grazie alla collaborazione fattiva tra tutti i soggetti coinvolti, posso dire che siamo a buon punto per far crescere il nostro Palio e renderlo sempre più bello ed emozionante».

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS