Pubblicato il

“La Tuscia degli Aldobrandeschi”, se ne parla in un convegno

“La Tuscia degli Aldobrandeschi”, se ne parla in un convegno

CAPODIMONTE– Si aprirà venerdì 22 settembre, alle 15,30, presso gli spazi delle Scuderie Farnesiane, il convegno “La Tuscia degli Aldobrandeschi. Aspetti storici, politici, economici delle comunità viterbesi tra X e XV secolo: confronti con ...

Condividi

CAPODIMONTE– Si aprirà venerdì 22 settembre, alle 15,30, presso gli spazi delle Scuderie Farnesiane, il convegno “La Tuscia degli Aldobrandeschi. Aspetti storici, politici, economici delle comunità viterbesi tra X e XV secolo: confronti con altre aree regionali”, organizzato dal Comune di Capodimonte con il Museo della Navigazione nelle Acque Interne.

Il convegno, si terrà con il patrocinio del Ministero della Cultura, della Regione Lazio, della Provincia di Viterbo, del Comune di Viterbo e di altre importanti associazioni ed istituzioni scientifiche, sociali e culturali: il Rotary Club Viterbo, il Club Inner Wheel Viterbo, il Touring Club Italiano – Gruppo Consolare di Viterbo, il Centro Studi di Preistoria e Archeologia di Milano, la Confederazione Italiana Archeologi, Archeoares, Tesori d’Etruria. Numerosi i relatori invitati, ricercatori, docenti universitari provenienti da vari atenei italiani, tra cui l’Università degli Studi della Tuscia, l’Università di Siena, l’Università degli Studi di Cagliari, l’Università degli Studi di Sassari, da Soprintendenze come la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia, La Spezia e Savona, e da centri di ricerca come il Centro Studi di Preistoria e di Archeologia di Milano. Il convegno è dedicato al ricordo di Vittorio Fanelli (1949-1995), sindaco di Capodimonte dal 1990 al 1995. L’intento delle due giornate di studio è quello di mettere a fuoco la presenza degli Aldobrandeschi in vari centri laziali, da Tuscania a Vulci, fino alla stessa Viterbo, dove un esponente degli Aldobrandeschi di Santa Fiora, il conte palatino Ildebrandino, fu il primo a fregiarsi del titolo di podestà di Viterbo. Di grande interesse e novità, inoltre, il confronto con altre realtà coeve del nostro Paese, in relazione al tema in oggetto, cercando di evidenziare gli elementi comuni che hanno caratterizzato lo sviluppo e le trasformazioni dell’Italia medievale dall’Incastellamento ai secoli successivi, fino alle soglie del Rinascimento. All’apertura del convegno, venerdì 22 settembre, saranno presenti il sindaco Mario Fanelli, Margherita Eichberg, Soprintendente presso la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la provincia di Viterbo e per l’Etruria meridionale, e numerose altre autorità. Al termine delle due giornate, chi desidera potrà partecipare a due visite guidate ai centri storici di Capodimonte e di Viterbo (fino a esaurimento posti disponibili), inviando richiesta di prenotazione a museo.capodimonte@gmail.com oppure inviando un messaggio whatsapp al 3391364151.


Condividi

ULTIME NEWS