Pubblicato il

Si progetta il Marconi shopping center

Si progetta il Marconi shopping center

Confcommercio al lavoro per riqualificare l’intera area: dalle scritte 3d alle piante per “guidare” i turisti. Avolio: «Stiamo definendo i dettagli con Vitali ma vogliamo valorizzare il Corso»

Condividi

CIVITAVECCHIA – Dopo la conferma alla vice presidenza della Confcommrcio cittadina Cristiano Avolio si è già messo al lavoro e in cima alla lista di cose da fare c’è il restyling di corso Marconi.

Nei giorni scorsi il rappresentante dell’associazione di categoria ha incontrato l’assessore al Commercio Dimitri Vitali proprio per parlare di questo argomento in particolare. «Stiamo andando avanti – ha detto Avolio – sul restyling dell’area, la nostra idea è di creare un Marconi shopping center in modo da poter sfruttare le peculiarità di Civitavecchia che in questi anni ha subito diverse trasformazioni per adeguarsi al boom di crocieristi che arrivano in città durante la bella stagione ma manca ancora molto, bisogna fare in modo che questa trasformazione venga ultimata in modo da essere in grado di sviluppare a pieno questa ricchezza». Non è un segreto che i Commercianti vengano da un triennio particolarmente difficile tra covid, rincari, bollette, guerra in Ucraina e stangate varie ma per Avolio è fondamentale guardare al futuro, che poi tanto futuro non è. «Basta davvero poco – ha sottolineato – per rendere attrattiva l’intera area e creare un corridoio che da largo della Pace possa traghettare i turisti verso il centro della città, verso il mercato. Dobbiamo mettere in atto un lavoro di internazionalizzazione e di digitalizzazione, aiutare i commercianti a comprendere le potenzialità di un simile progetto».

L’idea della Confcommercio è quella di creare un’area “shopping” che possa guidare i turisti da largo della Pace fino al centro della città in modo da non vedere più orde di crocieristi abbandonati a se stessi ma turisti “accompagnati” e come è possibile fare questo? «Semplice – ha continuato Avolio – intanto basterebbe apporre un’insegna tanto per cominciare, penso ad esempio a “Marconi shopping center” con sotto il claim “il più grande centro commerciale all’aperto della città di Civitavecchia. Dobbiamo creare luoghi accoglienti, apporre insegne all’entrata e all’uscita dei portici e poi ripristinare l’impianto audio di filodiffusione, magari trasmettendo musica soft o adatta al periodo, penso ad esempio a quella natalizia quando arriva dicembre. Poi dovremo inserire delle panchine e alternarle con piante verdi per dare un po’ di colore all’area. Andremo ad aumentare i cestini e nel muretto di piazzetta Santa Maria posizioneremo una scritta stampata in 3D con qualcosa di classico come “I love Civitavecchia”. I dettagli sono in fase di definizione ma abbiamo parlato proprio di questo con Vitali che sembra sulla nostra stessa lunghezza d’onda. È palese che si debba lavorare su questo e sul mercato».

Ma ci sono anche diversi altri punti da affrontare nei prossimi mesi, come ad esempio il regolamento dehors che pende come una spada di damocle su centinaia di commercianti o il restyling del mercato, in modo che l’intera area possa essere più attrattiva per turisti e civitavecchiesi stessi.

«Inoltre – ha concluso Avolio – entro la fine dell’anno attiveremo il marchio De.Co., un qualcosa che dà valore ai prodotti del territorio e un’occasione da non perdere in vista anche del 2025 e del Giubileo che prevediamo porterà una mole di lavoro importante in città, proprio per questo è necessario preparare i commercianti e non farsi trovare impreparati».

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS