Pubblicato il

Lavoro, Confesercenti: «Ad agosto occupazione ai massimi livelli»

Lavoro, Confesercenti: «Ad agosto occupazione ai massimi livelli»

Buone notizie dal fronte del lavoro. Nonostante i segnali di rallentamento dell’economia, «l’occupazione resta a livelli record anche ad agosto, in crescita su luglio (+59mila unità) e su agosto dello scorso anno (+523mila), a conferma di una ...

Condividi

Buone notizie dal fronte del lavoro. Nonostante i segnali di rallentamento dell’economia, «l’occupazione resta a livelli record anche ad agosto, in crescita su luglio (+59mila unità) e su agosto dello scorso anno (+523mila), a conferma di una stabilizzazione, in senso positivo, del mercato del lavoro». Così Confesercenti commenta le rilevazioni Istat su occupati e disoccupati ad agosto. A trainare l’incremento, come sempre, è l’occupazione dipendente, che aumenta di 49mila unità su luglio. Per una volta, però, assistiamo anche ad un rimbalzo positivo del lavoro autonomo, con gli indipendenti che crescono di 10mila unità a livello congiunturale e di 48mila rispetto ad agosto 2022. Da diversi mesi, ormai, l’occupazione complessiva è ai massimi storici, collocandosi costantemente, da marzo del 2022, al di sopra dei 23milioni di occupati totali. Quella che è cambiata è la composizione degli occupati e che dà il segno della grande trasformazione avvenuta: dal 2004 ad oggi il numero degli indipendenti è diminuito di 1,2 milioni di unità, poco meno del 20%, quello dei dipendenti è cresciuto del 15%, quasi 2,5 milioni di unità. Un dato che purtroppo conferma le crescenti difficoltà a rimanere sul mercato delle micro e piccole imprese a conduzione familiare, che hanno visto sfumare la ripresa post pandemica a causa del caro-vita e dell’incremento dei prezzi energetici.

«Servono meno oneri burocratici e più sostegni per questa parte importante del nostro sistema economico – dice Vincenzo Peparello presidente Confesercenti Viterbo -. A partire da una fiscalità di vantaggio per i negozi di vicinato con un fatturato inferiore ai 400mila euro l’anno: un provvedimento essenziale per contrastare il fenomeno della desertificazione commerciale che sta interessando sempre più grandi e piccoli centri urbani italiani, con un grave impatto non solo sul settore ma anche sull’offerta di servizi ai cittadini».

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS