Pubblicato il

Trombosi, screening gratuiti sul colle falisco

Trombosi, screening gratuiti sul colle falisco

La dottoressa Alessandra Fiorentini: «Conoscere la patologia significa curarla e salvare delle vite e per questo la diagnosi precoce è fondamentale»

Condividi

MONTEFIASCONE – Venerdì 13 ottobre si celebra in tutto il mondo il World thrombosis day, la giornata mondiale della Trombosi. In occasione di questa importante ricorrenza, il centro Tao (Terapia anticoagulante orale) della Asl di Viterbo, la cui sede principale è a Montefiascone, proprio nella città falisca ha organizzato un evento dedicato alla diffusione delle conoscenze elementari circa la prevenzione, la diagnostica e il trattamento delle patologie correlate con gli eventi tromboembolici.

L’iniziativa, che ha ottenuto la concessione del patrocinio di Alt Onlus (Associazione per la lotta alle trombosi e alle malattie cardiovascolari), è organizzata con il prezioso supporto dell’Associazione falisca di Montefiascone e si svolgerà dalle 15 alle 19 del 13 ottobre, in piazza Roma.

Qui gli specialisti del Centro Tao allestiranno una postazione aperta a tutti i cittadini per effettuare screening gratuiti che comprenderanno: misurazione della pressione arteriosa, saturazione, frequenza cardiaca, peso e altezza per valutare l’indice di massa corporea, circonferenze addominali. Sarà somministrato un semplice questionario per valutare il loro stile di vita. Verrà eseguita anche un’ecografia internistica carotidea. Per accedere all’ecofast si consiglia telefonare al Centro Tao al 3429968653 dalle 10 alle 13 della settimana precedente l’evento.

L’evento è aperto a tutti ed è completamente gratuito. «Sarà l’occasione per conoscere meglio i propri rischi di malattia – commenta la responsabile del Centro Tao della Asl viterbese, Alessandra Fiorentini – e valutare tutto ciò che possiamo fare nella nostra vita quotidiana per prevenire patologie spesso molto serie». La trombosi è un coagulo che ostruisce il circolo sanguigno in una vena o in un’arteria. Ogni anno nel mondo si verificano 10 milioni di casi di trombosi venosa e di embolia polmonare che, complessivamente, prendono il nome di tromboembolismo venoso (Tev).

«Dopo la cardiopatia ischemica e l’ictus cerebrale ischemico – conclude Fiorentini -, il Tev è la patologia cardiovascolare più frequente e causa importante di mortalità e morbilità: è al terzo posto tra le cause di morte nella popolazione generale e al primo posto nei pazienti ospedalizzati. Tuttavia, mentre l’impatto di infarto e ictus sulla mortalità e disabilità globali è ben riconosciuto e percepito, non lo è altrettanto quello del Tev. Conoscere la trombosi significa curarla e salvare delle vite e per questo la diagnosi precoce è fondamentale. È molto importante, dunque, aumentare la sensibilità tra la popolazione sui meccanismi della trombosi e dell’embolia polmonare, problematiche altamente prevenibili, che possono provocare un evento drammatico e spesso mortale».

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS