Pubblicato il

Brick, in Calabria un centro di ricerca sugli oli essenziali

Brick, in Calabria un centro di ricerca sugli oli essenziali

Un sistema integrato, costituito da aziende agricole, stabilimenti di trasformazione diversificati e ricerca scientifica, orientato alla valorizzazione delle produzioni vegetali non solo come alimenti freschi o conservati, ma anche come principi ...

Condividi

Un sistema integrato, costituito da aziende agricole, stabilimenti di trasformazione diversificati e ricerca scientifica, orientato alla valorizzazione delle produzioni vegetali non solo come alimenti freschi o conservati, ma anche come principi attivi farmaceutici, cosmetici e nutraceutici. Un ‘cluster’ capace di valorizzare la biodiversità botanica, sperimentando l’utilizzo agricolo di nuove specie che la grande ‘tavolozza microclimatica’ della Calabria consentirà di implementare. E’ Goel Biodiversi, il progetto di Goel – Gruppo Cooperativo e Comunità Progetto Sud, finanziato da Fondazione Con Il Sud e da tanti altri partners.

Goel Biodiversi intende candidarsi già da subito a diventare partner di imprese nazionali e internazionali farmaceutiche, nutraceutiche e cosmetiche. Ad esse offrirà ricerca applicata, produzione agricola biologica di alta qualità e produzione avanzata di semilavorati industriali.

Goel Biodiversi è oggi formato da trenta aziende agricole, da due stabilimenti per la lavorazione e il confezionamento della frutta fresca e da diversi impianti per le conserve, i succhi, l’estrazione degli oli essenziali per spremitura a freddo, la produzione di bio-eco-dermocosmesi liquida e solida. Entro la fine dell’anno si aggiungeranno altri moduli.

A presidio scientifico di tutta la filiera c’è il Brick, acronimo che sta per Botanical Research Institute of Calabrian Knowledge (Istituto di Ricerca Botanica del sapere e della conoscenza della Calabria), un centro specializzato nello studio di oli essenziali e altri estratti vegetali per una ricerca applicata in ambito farmaceutico, nutraceutico e cosmetico. Studierà le piante anche in campo aperto e i processi estrattivi nei nuovi laboratori di produzione che verranno inaugurati prossimamente.

Il Brick si propone di studiare gli estratti vegetali, in genere alla base di tantissimi farmaci e principi attivi cosmetici e nutraceutici, e produrre brevetti che consentano all’agricoltura del territorio di produrre materia prima vegetale ad alto valore aggiunto. In collaborazione anche con Università e Centri di Ricerca pubblici e privati.


Condividi

ULTIME NEWS