Pubblicato il

Transizione ecologica, bando per sensibilizzare gli studenti

Transizione ecologica, bando per sensibilizzare gli studenti

Coinvolgere le studentesse e gli studenti nell’ideazione di progetti utili per agevolare la transizione ecologica è l’obiettivo dell’iniziativa intrapresa dall’Università degli studi della Tuscia con le Fondazioni della Consulta, Cariciv ...

Condividi

Coinvolgere le studentesse e gli studenti nell’ideazione di progetti utili per agevolare la transizione ecologica è l’obiettivo dell’iniziativa intrapresa dall’Università degli studi della Tuscia con le Fondazioni della Consulta, Cariciv (Cassa di risparmio di Civitavecchia), Carivit (Cassa di risparmio di Viterbo), Fnc (Fondazione nazionale delle comunicazioni) e Fondazione Varrone (Cassa di risparmio di Rieti), denominata “Un passo verso la transizione 2023”.

L’Unitus, da sempre impegnata sul versante della sostenibilità, ha immediatamente sostenuto e condiviso la volontà delle Fondazioni di sensibilizzare le nuove generazioni sul tema, in tutte le sue sfumature, nelle quali dovranno acquisire sempre più competenze, come richiesto da un mercato del lavoro sempre più green oriented.

Il bando si rivolge alle studentesse e gli studenti delle scuole secondarie superiori di Civitavecchia, Rieti e Viterbo, città dove l’università della Tuscia è presente con i propri poli formativi, che saranno chiamati ad elaborare modelli che si rivolgano alla transizione ecologica, per generare un miglioramento dei servizi e valore per la società.

Le Fondazioni riconosceranno 10 premi per 10 progetti, il gruppo di lavoro dovrà essere composto da un minimo di cinque ad un massimo di 10, tra studentesse e studenti.

I temi delle progettazioni, dovranno rifarsi ad alcune parole chiave di riferimento quali: sharing economy, transizione ecologica, millenium goals, inclusive actions, transizione energetica, economia circolare silver economy, gender equality, transizione digitale, simbiosi, green economy, virtual reality, innovazione verde, blue economy.

I progetti saranno valutati da apposita commissione, che tenendo conto di una serie di parametri di riferimento quali: l’aderenza al tema del concorso, la qualità di esecuzione delle attività di realizzazione, l’originalità e la qualità sotto il profilo della sostenibilità ambientale e della economia circolare, riconoscerà, ai gruppi vincitori, un premio in denaro pari a 2.500 euro netti.

Le candidature andranno presentate entro e non oltre il 10 dicembre, all’indirizzo segreteriapresidenza@fondazionecariciv.it .


Condividi

ULTIME NEWS