Pubblicato il

In settanta per la sfida Battle Royale a tema Resident Evil

In settanta per la sfida Battle Royale a tema Resident Evil

Bagno di folla per l’evento che ha contrassegnato Halloween allumierasco

Condividi

ALLUMIERE – Bagno di folla per l’evento che ha contrassegnato “l’Halloween allumierasco”, ossia “Umbrella Corporation Garden Battle Royale” a tema Resident Evil. La meravigliosa cornice del Parco del Risanamento ha visto presenti all’incirca 70 persone tra bambini, adulti e adolescenti, che si sono sfidati a colpi di “Nerf alla ricerca delle fiale di T-Virus” nascoste lungo il perimetro.

Sulla scena, guidati dalle musiche originali del primo gioco e del film, ad interpretare gli zombies i volontari Angelo e Cristian Mulas, Giordano Lucci, Maila Secchi, Maria e Monica Pinardi, Michela Sfascia, Marianna Feliciani e le delegate comunali Noemi Vernace e Francesca Scarin, quest’ultima ha scelto come supereroe da interpretare il dottor Venturino Mocci, un eccezionale medico del paese che la Scarin e molti altri considerano un supereroe.

“I bambini erano terrorizzati, terrificati dalle musiche e dalle luci installate da Massimo ed Egidio – commenta la Delegata alla Cultura Francesca Scarin – i nostri zombies incutevano talmente terrore che i bambini e i ragazzi tornavano allo stand chiedendomi di allontanarli. E’ stato soddisfacente ed emozionante vedere queste persone chiedere informazioni per il prossimo evento, supplicare anche per cinque minuti di gioco. In pratica abbiamo cenato, in piedi, in dieci minuti per far giocare tutti i ragazzi che volevano fare una partita ed è stato interessante vedere come molti si sono ritrovati a fare da comparsa pur di restare nel perimetro di gioco.

Per me e per tutti noi è stato motivo di orgoglio che ha ripagato ogni sacrificio, ogni spesa e tutta la fatica, vedere questo bagno di folla di tutte le età presente a questo nostro primo esperimento”. Ma come promette la delegata Scarin non finisce qui: “A Natale ci saranno senz’altro novità più magiche: il mio invito personale è quello di seguire le pagine comunali per le novità che ci attendono e di partecipare nuovamente numerosi agli eventi paesani perchè alla fine l’anima reale delle feste siamo ognuno di noi”. Soddisfatta anche la delegata comunale Noemi Vernace: “Eccezionale lavoro di squadra per i bambini e ragazzi del Comune di Allumiere: grazie a tutti coloro che hanno partecipato all’evento e grazie ai nostri mitici volontari, sempre pronti e disponibili per il nostro amato paese. Viva le belle idee e viva la voglia di fare. Dolcetto o scherzetto? Ad Allumiere martedì durante la festa della ricorrenza più spaventosa dell’anno, i bambini e i ragazzi non hanno reclamato nessuno dei due, perché erano impegnati a correre a caccia di indizi nel meraviglioso Parco del Risanamento che si è dimostrato una location perfetta. È stato un modo diverso di festeggiare Halloween.

L’iniziativa è stata particolarmente apprezzata dai più piccoli e dai grandi che, divisi in squadre, hanno dato il meglio di sé. La festa di Halloween si è dimostra un’ occasione per condividere momenti speciali: abbiamo reso questa festa a dir poco indimenticabile. Noi dell’amministrazione, insieme agli indispensabili volontari, abbiamo partecipato in prima persona, ci siamo divertiti, abbiamo riso, giocato, scherzato e sicuramente non abbiamo peccato”.

Soddisfatto il Sindaco Landi per la buona riuscita dell’evento e l’inaspettata partecipazione della popolazione a questo primo “lancio” del nuovo format festivo, segno evidente che questa sia la strada giusta da percorrere per l’intrattenimento che guarda a tutte le età e si muove a 360 gradi. “Voglio ringraziare le delegate Francesca Scarin e Noemi Vernace – ha sottolineato il primo città di Allumiere, Luigi Landi – e tutte le volontarie che hanno partecipato, per aver creato all’interno del Parco del Risanamento una atmosfera e una ambiente suggestivo dove bambini, giovani e meno giovani hanno potuto vivere una atmosfera di grandi suggestioni legate al mondo di Hallowen”. Felici di aver collaborato due delle volontarie, Marianna Feliciani e Maria Pinardi. “È stata una scommessa vinta alla grande – spiega Marianna Feliciani – grazie alla delegata Francesca Scarin che ci ha dato fiducia: insieme è tutto possibile. Mi sono divertita e chissà quante altre ne combineremo insieme; è stato un piacere”. Sulla stessa linea Maria Pinardi: “Grazie a tutti quelli che hanno partecipato: ci siamo divertiti tantissimo. Siamo pronte per la prossima avventura”.


Condividi

ULTIME NEWS