Pubblicato il

«L’opposizione gioca a scaricabarile»

«L’opposizione gioca a scaricabarile»

«Con la solita demagogia e strumentalizzazione i consiglieri cercano di giustificare l’inefficienza e il fallimento del passato governo gestito da loro stessi»

Condividi

VETRALLA – «Con la solita demagogia e strumentalizzazione essi cercano di giustificare l’inefficienza e il fallimento della passata Amministrazione da loro gestita». Lo dice in una nota l’amministrazione comunale, intervenendo dopo l’attacco dell’opposizione sul fronte del piano regolatore generale.

«E’ del tutto evidente – spiegano dal Comune – che non avendo argomenti da proporre si lasciano andare a fantasiose analisi per tentare di mettere in cattiva luce la concreta e fattiva operatività di questa amministrazione. Sul Piano regolatore generale dimenticano che la passata amministrazione nell’anno 2016 subito dopo il suo insediamento, senza alcuna valida motivazione, ha revocato il Prg esistente lasciando il comune privo di questo importante strumento, fondamentale per la pianificazione e lo sviluppo del territorio, creando non pochi problemi alle imprese e ai cittadini».

«Oggi i consiglieri di minoranza – proseguono dall’amministrazione – dovrebbero prendere atto che il Prg, da loro deliberato nel 2020 è stato oggetto di tantissime osservazioni presentate dai cittadini. Ciò ha chiaramente dimostrato l’inefficienza del lavoro svolto e la non condivisone rispetto alle reali esigenze dei cittadini stessi. Dovrebbero anche spiegare il motivo per cui in campagna elettorale hanno sostenuto che lo strumento urbanistico era stato già approvato ed era operativo, al contrario invece era stato solo deliberato dal consiglio comunale».

Ebbene «questa amministrazione, contrariamente a quella passata, ben consapevole che il Prg è uno strumento molto importante e fondamentale per il comune, sta fortemente lavorando, sin dall’inizio del suo insediamento, presso gli organi preposti per approvare il Prg e quindi superare le numerose carenze e criticità riscontrate». «Problematiche che si sarebbero potute evitare – sottolineano dal Comune – definendo il Prg in tempi brevi, non dopo circa cinque anni, non tenendo altresì conto che dopo pochi mesi la Regione avrebbe approvato le nuove norme regionali Ptpr, con conseguenti inevitabili contrasti rispetto le procedure adottate. Questi sono fatti concreti, più volte rappresentati in sede di consiglio comunale, ben riscontrabili agli atti del comune, su cui questa amministrazione sta lavorando assiduamente per cercare di risolvere le incongruità riscontrate».

«I componenti di questa maggioranza, assessori e consiglieri, sin dall’inizio stanno lavorando concretamente e continuano a farlo sul programma da realizzare e sulle altre problematiche, convinti – dicono in conclusione dall’ammnistrazione targata Sanrino Aquilani – che le solite chiacchiere e la demagogia lasciano il tempo che trovano».

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS