Pubblicato il

In tutto il mondo 9 milioni di decessi prematuri per l’inquinamento

In tutto il mondo 9 milioni di decessi prematuri per l’inquinamento

CIVITAVECCHIA – La Commissione Lancet sulla inquinamento e la salute ha riferito che l'inquinamento è stato responsabile di 9 milioni di morti premature nel 2015, rendendolo il fattore di rischio ambientale più grande al mondo per malattie e ...

Condividi

CIVITAVECCHIA – La Commissione Lancet sulla inquinamento e la salute ha riferito che l’inquinamento è stato responsabile di 9 milioni di morti premature nel 2015, rendendolo il fattore di rischio ambientale più grande al mondo per malattie e morti premature. Abbiamo ora aggiornato questa stima utilizzando i dati dello studio Global Burden of Diseases, Injuries, and Risk Factors 2019. Abbiamo riscontrato che l’inquinamento rimane responsabile di circa 9 milioni di morti all’anno, corrispondenti a una morte su sei in tutto il mondo. Sono state registrate riduzioni nel numero di morti attribuibili ai tipi di inquinamento associati alla povertà estrema. Tuttavia, queste riduzioni delle morti per inquinamento domestico e inquinamento delle acque sono bilanciate dall’aumento delle morti attribuibili all’inquinamento atmosferico e all’inquinamento da sostanze chimiche tossiche (ad esempio, il piombo). Le morti da questi moderni fattori di rischio da inquinamento, che sono la conseguenza non intenzionale dell’industrializzazione e dell’urbanizzazione, sono aumentate del 7% dal 2015 e del 66% dal 2000. Nonostante gli sforzi in corso delle agenzie dell’ONU, dei gruppi impegnati, di singoli impegnati e di alcuni governi nazionali (principalmente nei paesi ad alto reddito), si può identificare poco progresso reale contro l’inquinamento complessivamente, in particolare nei paesi a basso e medio reddito, dove l’inquinamento è più grave. È necessaria un’attenzione urgente per controllare l’inquinamento e prevenire le malattie correlate all’inquinamento, con un’attenzione particolare all’inquinamento atmosferico e all’avvelenamento da piombo, nonché un maggior focus sull’inquinamento da sostanze chimiche pericolose. Inquinamento, cambiamenti climatici e perdita di biodiversità sono strettamente collegati. Il controllo di queste minacce congiunte richiede un’interfaccia scienza-politica formalmente supportata a livello globale per informare le interventi, influenzare la ricerca e guidare i finanziamenti. Tradizionalmente, l’inquinamento è stato visto come un problema locale da affrontare attraverso la regolamentazione subnazionale e nazionale o, occasionalmente, utilizzando politiche regionali nei paesi ad alto reddito. Tuttavia, ora è sempre più chiaro che l’inquinamento è una minaccia planetaria e che i suoi driver, la sua dispersione e i suoi effetti sulla salute trascendono i confini locali e richiedono una risposta globale. È necessaria un’azione globale su tutti i principali inquinanti moderni. Gli sforzi globali possono sinergizzare con altri programmi di politica ambientale globale, specialmente in quanto una transizione su larga scala e rapida lontano da tutti i combustibili fossili verso energie pulite e rinnovabili è una strategia efficace per prevenire l’inquinamento mentre rallenta anche i cambiamenti climatici, ottenendo così un doppio beneficio per la salute del pianeta.

Inoltre, il costo totale dell’energia per danni alla salute e all’ambiente, nella sua previsione peggiore è circa il doppio del Pil mondiale: anche i problema economico risulta enorme.

Fuller R, Landrigan PJ, Balakrishnan K, Bathan G, Bose-O’Reilly S, et al. Pollution and health: a progress update. Lancet Planet Health. 2022 Jun;6(6):e535-e547. doi: 10.1016/S2542-5196(22)00090-0. Epub 2022 May 18. Erratum in: Lancet Planet Health. 2022 Jun 14;: PMID: 35594895.

Sovacool BK, Kim J, Yang M. The hidden costs of energy and mobility: A global meta-analysis and research synthesis of electricity and transport externalities. Energy Research & Social Science. 2021 Feb 1;72:101885.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS