Pubblicato il

Natale a Viterbo, una festa lunga 40 giorni

Natale a Viterbo, una festa lunga 40 giorni

L’amministrazione comunale illustra le iniziative previste in centro fino al 7 gennaio. Cristina D’Avena star del concerto del 31 dicembre, Capodanno invece con il tenore Poli

Condividi

«Il nostro Natale dura 40 giorni». Il vicesindaco e assessore alla Cultura Alfonso Antoniozzi apre così la conferenza di presentazione delle iniziative natalizie del 2023.

Un Natale «pensato soprattutto per i bambini con eventi itineranti dal primo dicembre al 6 gennaio». In tutto il centro sarà “Ogni giorno è Natale” con artisti di strada, cantori di carole – «anche porta a porta come si faceva una volta» – laboratori per creare decorazioni natalizie e filodiffusione per rallegrare vie e piazze. Appuntamenti che si svolgeranno tutti all’aperto, a differenza dello scorso anno «quando ai meno attenti è sembrato non ci fosse nulla perché molti appuntamenti si sono tenuti al chiuso» rimarca Antoniozzi. All’aperto anche il cinema per i bambini, proiezioni una volta a settimana a piazza San Faustino dove sarà allestito anche un albero di Natale. Bimbi che poi dal 22 al 24 dicembre potranno godere anche della dolcezza della fabbrica del cioccolato a piazza del Sacrario e imparare a fare la bevanda degli dei negli appositi laboratori. «Vorremmo anche tentare di creare la tavoletta di cioccolato più grande del mondo, il record attuale è di 10 metri» sottolinea il vicesindaco. Sempre al Sacrario, vicino agli Almadiani sarà posizionato il grande albero di Natale, 14 metri di altezza, trasferito da piazza del Comune interessata da cantieri. Accensione l’8 dicembre con coro gospel come colonna sonora. Oltre a quello agli Almadiani, un grande albero allieterà La Quercia. In tema di concerti: il Comune finanzia quello gospel organizzato da Viterbo con amore, quello di Natale e per l’ultimo dell’anno arriverà Cristina D’Avena. Al tenore viterbese Antonio Poli il compito di festeggiare il nuovo anno con il concerto di Capodanno. E il 21 dicembre immancabile l’appuntamento con “Lo schiaccianoci”. Sostegno dell’amministrazione alla Pro loco per i 100 presepi a La Quercia e per iniziative a San Faustino e Pianoscarano. Per quanto riguarda le luminarie «sono state pensate per creare un percorso che conduce nei luoghi dove si svolgono gli eventi» dichiara Antoniozzi. E sulle “lucette”, così le ha definite, è intervenuta la consigliera delegata alle Piccole cose Maria Rita De Alexandris. Oltre a sottolineare che il montaggio delle luminarie è avvenuto di notte per evitare il blocco del traffico, annuncia una sorpresa in piazza del Comune: «l’albero comunque ci sarà. Con una serie di proiezioni che racconteranno una storia che si concluderà con l’albero di Natale». Nei prossimi giorni sarà allestita anche piazza della Rocca e in arrivo le luminarie a via Matteotti, con fondi supplementari dato che inizialmente non era contemplata per via dei lavori. Proiezioni architetturali poi per illuminare la facciata della Trinità. Shopping, animazione e prodotti tipici nella “Passeggiata di Natale” dall’8 dicembre al 7 gennaio da piazza del Teatro alla Pensilina. «Non amo definirlo mercatino perché è riduttivo» spiega l’assessore allo Sviluppo economico Silvio Franco. Su via Marconi ci saranno le tanto nominate 22 casette di legno: «Nei giorni feriali, tranne due lunedì di dicembre, saranno aperte dalle 16 alle 20, nei festivi e prefestivi invece dalle 10 alle 21. E’ il primo anno, quindi – tiene a evidenziare – ha un carattere sperimentale. Il costo per gli operatori commerciali si aggira attorno ai 500 euro per tutto il periodo della manifestazione». Le casette dunque ci sono, mancano i locatari. La ricerca per reperirli è stata affidata a un’azienda esterna. Nei prossimi giorni l’assessorato tirerà le somme sulle strutture affittate. A proposito di somme. «Per questo Natale l’Amministrazione ha previsto un investimento importante nel bilancio di previsione, approvato a metà aprile» puntualizza l’assessore al Bilancio Elena Angiani che, alla richiesta di quantificare l’investimento, risponde laconica: «Diverse decine di migliaia di euro». Il sociale si coniuga con l’animazione in piazza della Repubblica con le iniziative promosse dall’assessore alle Politiche sociali Patrizia Notaristefano e dalla cooperativa Galiana.

«Tombola in piazza il 23 dicembre ma anche via streaming per coinvolgere gli anziani dei centri polivalenti. Il ricavato sarà devoluto in beneficenza» spiega Notaristefano. E poi discesa dei Babbi Natale e caccia al tesoro.

“Tuscia in bio” alla Pensilina con 15 produttori a km 0. Un mercato di prodotti tipici ma anche laboratori del gusto e mostre fotografiche.

Il Natale viterbese di fatto si inaugura il 25 novembre, alle ore 10, con l’apertura del Christmas Village nella parte monumentale della città.


Condividi

ULTIME NEWS