Pubblicato il

Allumiere, festa di San Martino: buona la prima

Allumiere, festa di San Martino: buona la prima

Grande partecipazione agli eventi organizzati dalla Contrada Burò. I bianconeri hanno ripreso quest’anno la tradizione «È stato un modo per stare un pomeriggio insieme, vicini ai nostri contradaioli»

Condividi

ALLUMIERE – Festa di San Martino: per la Contrada Burò buona la prima. La Contrada bianconera, presieduta da Amedeo Mariani, lo scorso 12 novembre ha ripreso in mano la tradizione di festeggiare San Martino. I contradaioli del Burò hanno dato via domenica ad un bel pomeriggio di festa all’insegna dell’allegria. “Abbiamo organizzato un evento che ha avuto un buon riscontro – spiegano i contradaioli del Burò – è stato un modo per stare un pomeriggio insieme e per poter sentirci vicino ai nostri contradaioli. Il pomeriggio ha visto come protagonisti i prodotti del nostro territorio come il vino”.

Durante il pomeriggio sono stati distribuiti vari vini prodotti dai giovani vitivicoltori di Allumiere. “Il nostro cavallo di battaglia – proseguono dal Burò – sono state anche questa volta le ciambelle fritte: sono andate a ruba sin da subito”. Le ciambelle preparate e fritte dalle sapienti cuoche pasticcere del Burò sono delle vere e proprie leccornie che fanno impazzire chiunque. Durante l’estate il Burò da anni dà vita alla Frsta del Vino e ogni anno queste prelibate ciambelle fritte vanno a ruba. Fiore all’occhiello della manifestazione è stata la presenza dei bravissimi poeti dell’associazione APA che “hanno intrattenuto tutti con le loro poesie che hanno toccato argomenti riguardanti il vino e la nostra amata Contrada. È stato bello ritrovarsi in un pomeriggio d’autunno intorno al fuoco per sentirci più vicini. Vi aspettiamo quest’estate per tante novità”.

Il presidente Amedeo Mariani conclude così: “Grazie a tutti coloro che domenica hanno partecipato alla nostra “Festa del vino nuovo”, ai poeti dell’A.P.A., ai contradaioli e alle tante persone che sono passate a trovarci. È stato un primo assaggio nell’attesa della “Festa del vino e del tartufo” che tornerà, come sempre, la prossima estate. Grazie e alla prossima”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS