Pubblicato il

Da via Marconi alla Macchina, i dubbi dell’opposizione

Da via Marconi alla Macchina, i dubbi dell’opposizione

In consiglio comunale a Viterbo il focus sul piano traffico in centro per il periodo natalizio, la prossima settimana la riapertura di via Matteotti

Condividi

Focus sulla viabilità di via Marconi in vista del mercatino, sui dati in tema di turismo e sul ritardo nell’affidamento della progettazione esecutiva di Dies Natalis.

Questi alcuni degli argomenti oggetto di interrogazioni nella seduta consiliare dedicata.

A chiedere delucidazioni in merito a come sarà gestita la viabilità su e intorno a via Marconi, il consigliere della Lega Andrea Micci.

Per il periodo delle festività, infatti, la via ospiterà le 22 casette di legno del mercatino natalizio. O meglio, della “Passeggiata di Natale” come ha rinominato l’evento l’assessore allo Sviluppo economico Silvio Franco.

Traffico quindi sicuramente da deviare dall’8 dicembre all’Epifania, ma «come si arriverà al Sacrario?» chiede Micci. Da tenere in considerazione anche il fatto che molte linee del trasporto pubblico transitano proprio sulla via e che il traffico sotto le feste solitamente aumenta anche in centro. O almeno è l’auspicio dei negozianti, penalizzati da un’eccessiva presenza di centri commerciali a due passi dalle mura.

La risposta a Micci l’ha fornita l’assessore Emanuele Aronne, annunciando in prima battuta che «dalla prossima settimana riapre via Matteotti».

«Un piano del traffico è già stato redatto dagli uffici e ora è al vaglio del dirigente alla polizia locale. Nei prossimi giorni lo presenteremo» ha spiegato.

Sul turismo assist del consigliere di maggioranza Simone Onofri che ha interrogato in merito l’assessore Silvio Franco, dandogli così modo di illustrare i dati in crescita rispetto allo scorso anno e al 2019. Per tirare le somme finali del 2023 bisognerà attendere fine dicembre ma, anche se parziali, i numeri sono positivi per Viterbo.

«Complessivamente nei primi tre trimestri di quest’anno abbiamo registrato 123mila ospiti e 195mila pernottamenti» ha sottolineato.

Rimarcando un aumento del 20%, sia in termini di presenze che di pernotti, rispetto allo stesso periodo del 2022 ha evidenziato che «se il trend verrà confermato, a fine anno potremmo arrivare a 165mila ospiti e 260mila pernottamenti».

I numeri delle presenze, rilevati tramite l’imposta di soggiorno, forniscono anche i dati relativi alle entrate derivanti dalla tassa.

La previsione per il 2023 si aggira sui 450mila euro. Cifra che però potrebbe essere tranquillamente superata, visto che l’imposta nei primi 9 mesi ha portato nelle casse comunali 380mila euro.

Dopo l’intermezzo con le buone notizie che arrivano dal fronte turismo, il clima in aula torna a essere quello canonico delle interrogazioni in cui la minoranza esprime dubbi e perplessità in merito all’operato dell’esecutivo.

E il consigliere salviniano Micci ha ripreso la parola per puntare il dito contro il ritardo relativo al mancato affidamento della progettazione esecutiva della nuova Macchina di Santa Rosa.

«Uno step indispensabile per poter poi procedere con il bando con cui individuare il costruttore» ha rimarcato,

sottolineando che «sono passati 70 giorni dalla proclamazione di Dies Natalis».

Ricordando poi che lo stesso Raffaele Ascenzi, ideatore della nuova Macchina, ha dichiarato che serviranno almeno sei-otto mesi per realizzarla Micci ha esortato l’amministrazione a non perdere tempo.


Condividi

ULTIME NEWS