Pubblicato il

«Emergenza cinghiali, pronti con le gabbie» – L’INTERVENTO VIDEO

«Emergenza cinghiali, pronti con le gabbie» – L’INTERVENTO VIDEO

Replica il primo cittadino di Ladispoli Grando: «Cerveteri non ci ha mai chiamato»

Condividi

CERVETERI – «Un piano sinergico per contenere l’avanzata dei cinghiali a Campo di Mare e Cerenova». È quando chiede il primo cittadino di Cerveteri, Elena Gubetti, intervenuta nella trasmissione “Question Time” condotta da Stefano Pettinari. E proprio riguardo al tema degli ungulati, il primo cittadino non si è tirato indietro però in qualche modo ha condiviso questo problema anche con gli altri colleghi.
«La questione cinghiali è assai complessa – ammette – tutte le amministrazioni locali stanno subendo questo fenomeno e non hanno veri strumenti da attivare nell’immediato. C’è un iter che stiamo provando a sviluppare e vorremmo essere autorizzati dalla Regione, competente in materia, a posizionare delle gabbie».

___asset_placeholder_0___

Negli ultimi mesi i residenti hanno assistito ad una vera e propria invasione degli animali esotici a Campo di Mare e nella palude di Torre Flavia la cui presenza mette a rischio l’habitat faunistico e floreale della riserva naturale.
«Da parte nostra – ribadisce Gubetti – dopo aver posizionato le gabbia per la cattura si potrebbe procedere successivamente allo spostamento dei cinghiali in altri luoghi. Nelle prossime settimane verranno posizionate le prime gabbie a ridosso di Torre Flavia in coordinamento con Città Metropolitana. Altrettanto vorremmo fare a Campo di Mare». Poi l’appello vero e proprio. «Se questo tipo di intervento lo faccio solo io – aggiunge – e non il comune di Ladispoli o di Santa Marinella, il rischio di ripartire da zero c’è. Il nostro piano è di portare al tavolo tutti i soggetti per un’azione condivisa».
Il sindaco ladispolano però sostiene di non aver mai avuto alcuna richiesta da Elena Gubetti. «Non mi ha mai telefonato per questa situazione però almeno ci contattassero. Conoscono il mio numero. Siamo disponibili a collaborare», è la risposta di Alessandro Grando.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS