Pubblicato il

Terreni Pio istituto Santo Spirito di Santa Marinella, Pietro Tidei: «Attendiamo risposte celeri sul patrimonio»

Terreni Pio istituto Santo Spirito di Santa Marinella, Pietro Tidei: «Attendiamo risposte celeri sul patrimonio»

Il sindaco ha inviato nei giorni scorsi una missiva all’assessore regionale Righini e al consigliere Ghera, in merito alle tematiche relative alle proprietà ricadenti nel territorio comunale

Condividi

SANTA MARINELLA -Il sindaco di Santa Marinella Pietro Tidei, ha inviato nei giorni scorsi una missiva all’assessore regionale Righini e al consigliere Ghera, in merito alle tematiche relative alle proprietà del Pio istituto Santo Spirito ricadenti nel territorio comunale.

“In diversi incontri – ha asserito il sindaco – ho avuto modo di illustrare sia al presidente della Regione Lazio Francesco Rocca che al consigliere Ghera, i problemi che il Comune ha con la Regione e che riguardano i terreni sopracitati. In particolar modo v’è la necessità urgente, in primis, di rinnovare l’accordo con la Regione per la valorizzazione di questi beni, in quanto il precedente contratto è scaduto, pena la cessazione di tutte le operazioni in essere, come ad esempio i parcheggi, i servizi sportivi, la limonaia, le aree del Castello di Santa Severa, e tanto altro».

«Ho portato all’attenzione del presidente e dei relativi assessori un piano dettagliato di interventi e di valorizzazione delle aree – aggiunge Tidei – che porterebbe nelle casse regionali diversi milioni di euro, ma ad oggi non ho ancora ricevuto alcuna risposta in merito. Così come non ho avuto risposta sulla convenzione con Lazio Crea per la gestione degli spazi interni ed esterni del Castello di Santa Severa».

«E’ importante comprendere – continua il sindaco – che questi terreni, non più utilizzabili a fini agricoli, sono invece suscettibili di valorizzazione per scopi sociali ed ambientali. Tra i vari elementi che ho posto all’attenzione del presidente e degli assessori c’è anche quello relativo ai finanziamenti regionali per l’acquisto degli alloggi popolari di via Elcetina, i rapporti di collaborazione e sviluppo generali con Arsial e, non ultimo, l’aspetto di un doveroso rimborso economico nei confronti degli allevatori locali che nelle ultime settimane hanno subito enormi danni al bestiame causato dalla perdita di greggi per la presenza di lupi e animali selvatici sulle nostre colline».

«Sono fiducioso – conclude il sindaco – che per queste ed altre tematiche, si possa quanto prima organizzare un incontro risolutivo per il bene della collettività».

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS