Pubblicato il

Porto turistico, Zeppieri: «Opera inutile e inquinante»

Porto turistico, Zeppieri: «Opera inutile e inquinante»

«Con la scusa del Giubileo non si può decidere di inondare i territori di cemento»

Condividi

FIUMICINO – «Il commissario Gualtieri e la sua maggioranza, con il ruolo avuto in occasione del Giubileo di Roma 2025, pensa di poter gestire a suo piacimento i territori, inondandoli di cemento, di opere inutili e anacronistiche e portando così solo inquinamento e nessun servizio. Lo stiamo vedendo in occasione dell’inceneritore che vuole costruire ai Castelli Romani. E lo stiamo vedendo con la scelta scellerata di voler costruire un porto crocieristico a Fiumicino, precisamente a Isola Sacra». Sono nette le parole della consigliera del Polo Progressista Alessandra Zeppieri uscita dall’audizione che si è tenuta in Pisana sul progetto di Fiumicino. «Per il Giubileo – continua Zeppieri – andrà infatti a regime un’infrastruttura privata a pochi chilometri dal porto pubblico di Civitavecchia, e già qui ci sarebbe da aprire una discussione sull’opportunità della cosa, ma in più assisteremo a un’ulteriore drammatica trasformazione della costa laziale. Nello specifico si avrà un danneggiamento del fondale marino e del suo ecosistema, un aumento dell’inquinamento sia marino che costiero provocato dalle navi ma anche da tutto l’indotto su gomma che ne conseguirà, e un impatto negativo sul tessuto urbano che ad oggi non è assolutamente pronto ad accogliere una mole così alta di persone».

«Se questo non dovesse bastare il porto ricade in una zona che è stata identificata da ISPRA ad alto rischio idrogeologico per le alluvioni. Pensare di continuare questa politica scellerata da parte di Gualtieri, che guarda solo agli eventuali benefici della Capitale danneggiando irrimediabilmente la provincia, deve finire. Si sta approfittando del Giubileo per fare delle opere che altrimenti difficilmente avrebbero visto la luce», conclude Zeppieri.


Condividi

ULTIME NEWS