Pubblicato il

Cambiano gli orari della biblioteca “Giulio Regeni”, ma scoppia la protesta: «Non tengono conto dei bisogni dell’utenza. Scelta ingiustificata»

Cambiano gli orari della biblioteca “Giulio Regeni”, ma scoppia la protesta: «Non tengono conto dei bisogni dell’utenza. Scelta ingiustificata»

FIUMICINO - La biblioteca Giulio Regeni di Fiumicino vede diminuire il suo orario, con conseguente peggioramento del servizio offerto. Il cambiamento non è sfuggito all’utenza che, organizzata una delegazione, è stata ricevuta dall’ assessore ...

Condividi

FIUMICINO – La biblioteca Giulio Regeni di Fiumicino vede diminuire il suo orario, con conseguente peggioramento del servizio offerto. Il cambiamento non è sfuggito all’utenza che, organizzata una delegazione, è stata ricevuta dall’ assessore Valentina Torresi la quale, attraverso un funzionario, ha fatto sapere che questo cambiamento viene effettuato a causa di carenza di personale. «Tutti i fruitori della biblioteca sanno bene però, nonostante le parole dell’assessore, che quello che sta succedendo nella Biblioteca è ben diverso: risalita di umidità dai muri, luoghi lasciati a loro stessi, illuminazione esterna assente, non funzionamento delle luci di emergenza, personale che abusa della malattia per stare a casa, gestione approssimativa del servizio di prestito libri. Nella biblioteca – dice l’utenza – inoltre collaborano volontari del Servizio Civile che, nonostante per contratto debbano garantire una serie di servizi non svolgono l’utilità prefissata». Gli orari verranno così cambiati: dal lunedì al giovedì 8:30-18:00, il venerdì 8:30-14:30, il sabato 8:30-13.30. «I nuovi orari imposti dal comune non tengono conto dell’utenza ma sono piuttosto aderenti- si commenta a tal proposito- al modello degli orari classici da ufficio, solo a favore del personale.

Ogni giorno gli utenti registrano le loro entrate su un foglio fornito dal desk e da questi registri si può vedere come la frequenza maggiore di affluenza è a partire dalle 10:00 fino alle 19:00; risulta quindi ingiustificata la nuova scelta di orario» dice ancora l’utenza.


Condividi

ULTIME NEWS