Pubblicato il

Campagna vaccinale, successo per l’open day a piazza Verdi: 140 sieri inoculati

Campagna vaccinale, successo per l’open day a piazza Verdi: 140 sieri inoculati

Soddisfatto il direttore della Uoc Maria Teresa Sinopoli: «Proteggiamo i nostri cari prima delle feste»

Condividi

CIVITAVECCHIA – Successo per l’open day vaccinale a piazza Verdi: solo nell’ultimo mese grazie a questi eventi l’azienda sanitaria locale ha superato le mille vaccinazioni. Nella giornata di giovedì il centro vaccinale di piazza Verdi ha aperto le sue porte dalle 9 alle 19 per offrire a tutti gli utenti, prenotati e non, le vaccinazioni anti covid, anti influenzali e tutte quelle raccomandate registrando un’ottima affluenza. Nel corso della giornata, infatti, sono stati effettuati 140 vaccini su 118 utenti.

Gli utenti hanno potuto scegliere tra le varie vaccinazioni offerte «ma anche – ha spiegato il direttore della Uoc Attività di prevenzione rivolte alla persona della Asl Roma 4 Maria Teresa Sinopoli – avere un controllo della propria situazione vaccinale, avere un appuntamento per le altre vaccinazioni. Un evento a completamento, prima di Natale, di tutti gli open day che abbiamo fatto nella nostra Asl. Con camper e ambulatori di prossimità, ci siamo mossi andando nei centri anziani, eccetera è una modalità che abbiamo di essere più vicino possibile alla popolazione con grande rispondenza e gradimento, solo in queste giornate abbiamo fatto oltre mille vaccini».

Un lavoro capillare e importante che ha visto la Asl Roma 4 muoversi con largo anticipo rispetto alla maggior parte delle altre aziende della Regione Lazio, diverse le giornate messe in campo su tutto il territorio coperto dall’azienda. Grandissimo successo, ad esempio, per quelle organizzate a Civitavecchia presso il mercato cittadino e presso il quartiere periferico di San Liborio. Sale la richiesta per il siero anti covid in vista del picco (influenza e covid) previsto proprio durante le festività natalizie.

«Come tutti gli anni – ha continuato Sinopoli – è normale che man mano che si va verso il freddo ci sia una maggiore influenza delle malattie a trasmissione respiratoria. Man mano che si va verso le temperature più rigide sicuramente crescono i casi ed è sempre bene ricordarsi che abbiamo anche l’arma della vaccinazione per proteggere noi e le persone che ci sono vicine se abbiamo nonni, persone malate, una donna in gravidanza, un bambino piccolo, ecco un regalo per Natale può essere anche quello di vaccinarsi in modo tale da non trasmettere malattie». Insomma prima delle feste è importante vaccinarsi «almeno per non avere delle forme gravi – conclude Sinopoli – e per cercare di proteggere le persone più fragili a cui vogliamo bene».

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS