Pubblicato il

‘’Note per la pace’’ risuonano in Cattedrale

‘’Note per la pace’’ risuonano in Cattedrale

CIVITAVECCHIA – Un momento di raccoglimento, di preghiera ma soprattutto di musica, arte che da sempre unisce i popoli e che, dalla Cattedrale, farà risuonare “Note per la pace”. Il concerto in programma mercoledì prossimo, 3 gennaio, a ...

Condividi

CIVITAVECCHIA – Un momento di raccoglimento, di preghiera ma soprattutto di musica, arte che da sempre unisce i popoli e che, dalla Cattedrale, farà risuonare “Note per la pace”. Il concerto in programma mercoledì prossimo, 3 gennaio, a partire dalle 19 vedrà protagonista la Cappella Musicale Lauretana-coro della Fondazione Cardinale Domenico Bertolucci. Formato da cantori professionisti provenienti per la maggior parte da qualificate istituzioni come la Cappella musicale Pontificia Sistina e l’accademia nazionale Santa Cecilia, il coro diretto dal maestro Adriano Caroletti, accompagnato dall’organista Denis Volpi, è pronto a dare il benvenuto al nuovo anno, in occasione della giornata mondiale della pace. «Quando don Pietro Bongiovanni, parroco di San Salvatore in Lauro e assistente spirituale della Protezione civile mi ha proposto questa iniziativa – ha spiegato monsignor Cono Firringa, parroco della Cattedrale – ho subito accolto questa proposta, aprendo le porte della Cattedrale insieme al vescovo monsignor Gianrico Ruzza. Sarà un augurio in musica per un clima di serenità e pace non solo a livello mondiale ma anche nelle nostre famiglie e nel nostro quotidiano». Come spiegato dal segretario generale della Fondazione Bartolucci Alessandro Baciocchi, questa «realtà musicale di livello proporrà un repertorio di musica sacra con brani anche natalizi e altri dello stesso Bartolucci, direttore della Cappella Musicale Pontificia Sistina per cinquan’anni, che dedicò la sua vita alla musica sacra. Un forte messaggio di pace e di arte». Spazio anche al sociale, con l’impegno di Protezione Civile, con il coordinatore Valentino Arillo ed i volontari del gruppo locale impegnati nella collaborazione con Cisstema, neonata realtà locale impegnata, insieme anche all’Ordine di Malta, in missioni umanitarie, in africa come in Ucraina. «Proveremo a collegarci con l’Ucraina – ha spiegato Arillo – per trasmettere in diretta il concerto di pace».

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS