Pubblicato il

Fare la volontà di Dio con gioia

Fare la volontà di Dio con gioia

DON IVAN LETO* "Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui". Andare a Gerusalemme è sempre salire al luogo della santità di Dio. Per tre volte si dice che i genitori di Gesù adempiono la Legge dell'antica ...

Condividi

DON IVAN LETO*

“Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui”. Andare a Gerusalemme è sempre salire al luogo della santità di Dio. Per tre volte si dice che i genitori di Gesù adempiono la Legge dell’antica alleanza. Loro, però, osservano anche le parole dell’angelo che avevano pronunciato il nome del figlio, Gesù, che vuol dire “Dio salva”. Osservanza dell’antica Legge e compimento del piano di Dio. In quella umile coppia di sposi che porta il neonato al Tempio è velata, in umiltà, la maestà divina, il compimento di ogni promessa. È il rito della purificazione rituale degli sposi. Gesù è il personaggio protagonista e tuttavia è il destinatario delle azioni di altri; il Signore si mostra mite, tutto consegnato in obbedienza alla volontà del Padre in merito alla circoncisione, alla purificazione e all’offerta dei primogeniti. Anche Maria è obbediente al Signore: chiamandolo come Dio stesso aveva detto attraverso l’Angelo, mette in risalto che questo Bambino è Figlio di Dio. Poco conta la nota riguardante l’offerta delle tortore che dice la povertà della Santa Famiglia. Solo a nomi Gesù è più che ricco: conforto di Israele, Messia del Signore, bambino Gesù, la salvezza che viene, luce per illuminare le genti, gloria del suo popolo. Nomi che dicono la sapienza e l’affetto dei padri ebrei che aspettano il Messia. Simeone è l’icona di questa attesa. Simeone è il volto di questa attesa affettuosa: stringe tra le braccia la redenzione di Gerusalemme lui che è davvero un uomo spirituale: lo Spirito Santo era sopra di lui; lo stesso Spirito l’aveva avvertito del dono che avrebbe preceduto il congedo dall’esistenza terrena; infine è lo Spirito Santo che lo muove a recarsi al Tempio. Quanti bambini avrà visto Simeone, portati al tempio dai genitori! Ma questo Bambino, che finalmente vede, è quello che aspettava e lo riconosce come “il Cristo Signore”! C’è vedere e vedere, quello di Simeone è il vero sguardo spirituale. Da qui inizia il lungo tempo di Nazaret, prezioso per il suo silenzio che dice l’immersione piena del Figlio di Dio nella quotidiana umile vicenda del Figlio dell’Uomo. Nella festa della Santa Famiglia impariamo ciò che conta per ognuno: fare la volontà di Dio, possibilmente con gioia.

*Don Ivan Leto

cattedrale Diocesi

Civitavecchia – Tarquinia


Condividi

ULTIME NEWS