Pubblicato il

Viterbo, morto dopo le coltellate: s’indaga per omicidio

Viterbo, morto dopo le coltellate: s’indaga per omicidio

La Procura ha aperto un fascicolo a carico di ignoti per il decesso del 44enne Ruslan Donca. Nelle prossime ore dovrebbe essere eseguita l’autopsia per sciogliere i dubbi

Condividi

La procura di Viterbo ha aperto un fascicolo per omicidio sulla morte di Ruslan Donca, il cittadino di 44 anni, portato martedì pomeriggio in ospedale con alcune ferite d’arma da taglio e deceduto nel reparto di rianimazione poche ore più tardi.

Non vi sarebbero al momento indagati, il fascicolo infatti sarebbe contro ignoti. Un atto dovuto per disporre l’autopsia che potrebbe sciogliere i dubbi intorno a questa morte.

Sul fatto sta indagando la polizia per cercare di ricostruire l’accaduto e determinare la natura delle ferite che hanno portato al decesso dell’uomo.

I tre coinquilini della vittima, suoi connazionali, sentiti dagli investigatori, hanno parlato di gesto volontario. «Si è chiuso in bagno e si è accoltellato».

Stando a una prima ricostruzione dei fatti martedì pomeriggio la polizia è intervenuta per la segnalazione di una lite nella zona Sacrario, forse tra Ruslan e il fratello 40enne. La polizia ha ristabilito la calma e i due sono tornati a casa, in via Bussi 4, dove però sarebbe entrato solo Ruslan. Intorno alle 18,30 è arrivata una nuova chiamata alla polizia da parte dei coinquilini della vittima che hanno detto che si era chiuso in bagno e si era accoltellato. All’arrivo di polizia e soccorritori il 44enne viene trovato con una ferita da taglio alla gola e una all’addome. Portato in ospedale in condizioni gravissime, è morto poi nella notte tra martedì e mercoledì.

La polizia ha sequestrato un coltello da cucina e l’appartamento. Le indagini sono coordinate dal pm Flavio Serracchiani.


Condividi

ULTIME NEWS