Pubblicato il

Al Rossella Falk di Tarquinia “I Mezzalira, panni sporchi fritti in casa”

Al Rossella Falk di Tarquinia “I Mezzalira, panni sporchi fritti in casa”

Prosegue la programmazione al teatro comunale organizzata da Comune e Actl

Condividi

TARQUINIA – Prosegue la programmazione al teatro comunale Rossella Falk di Tarquinia. Domenica 7 gennaio alle 18,30 Agnese Fallongo e Tiziano Caputo presentano il loro ultimo spettacolo dal titolo insolito e curioso: “I Mezzalira – panni sporchi fritti in casa”, terzo capitolo che conclude la “Trilogia degli Ultimi” che già ha riscosso grande successo di critica. L’appuntamento rientra nell’ambito della stagione nata dalla collaborazione tra il Comune di Tarquinia e Atcl, circuito multidisciplinare del Lazio, sostenuto da Mic, ministero della Cultura e Regione Lazio. Accanto a loro Adriano Evangelisti che, dopo averli diretti in Letizia va alla guerra, questa volta li affiancherà sul palcoscenico dando corpo e voce al protagonista – narratore della storia. La regia è affidata ancora una volta a Raffaele Latagliata, che già aveva firmato quella di “Fino alle Stelle”, ad ulteriore conferma dell’ormai consolidato sodalizio di questo collettivo artistico. Il titolo “I Mezzalira – panni sporchi fritti in casa” nasce da un gioco linguistico che crea una fusione tra il celebre detto popolare “i panni sporchi si lavano in casa” e il concetto della “frittura” come simbolico spartiacque del binomio più antico della storia: quello tra servo e padrone, tra chi produce l’olio e chi lo possiede, tra chi può friggere tutti i giorni e chi non può friggere mai.

Se è vero che la saggezza popolare insegna a mantenere celate le questioni familiari all’interno delle mura domestiche lontano da occhi indiscreti, è altrettanto vero che quelle mura non sempre bastano a contenere i segreti, i tabù e i non detti della famiglia Mezzalira, protagonista del racconto, che, proprio come l’olio delle olive che raccoglie, scivola in una spirale di infausti accadimenti che la indurranno, inevitabilmente, a scendere a patti col mondo esterno. Il tutto visto e raccontato da Giovanni Battista Mezzalira detto “Petrusino”, il più piccolo della famiglia che, una volta adulto, traccerà un vero e proprio arco della sua esistenza, in un caleidoscopio di ricordi che attraverseranno una vita intera, una vita fatta di luci, ombre e colpi di scena all’interno del medesimo focolare domestico. Petrusino sarà costretto a fare i conti con i fantasmi del passato per poter scendere a patti con il presente, scoprendo di non essere stato il solo a custodire un segreto. Un racconto tragicomico che, ai toni brillanti della commedia all’italiana, mescola le tinte fosche del giallo e del thriller e che invita lo spettatore a guardare attraverso il buco della serratura di una casa “qualsiasi” per rintracciare il proprio personalissimo passato, e ricostruire così la propria storia, la storia della propria famiglia non sempre perfetta. Il botteghino del teatro sarà aperto 1 ora prima dello spettacolo. Biglietti in vendita su<a target="_blank" href="http://%20www.bgliettoveloce.it

%20″> www.bgliettoveloce.it


Condividi

ULTIME NEWS