Pubblicato il

Dalla Settevene Palo a Campo di Mare, proliferano le discariche

Dalla Settevene Palo a Campo di Mare, proliferano le discariche

Gli automobilisti: «Costretti a continui slalom. È una indecenza»

Condividi

CERVETERI – Non bastano le buche grandi quanto dei veri e propri crateri, impossibili da evitare che costringono gli automobilisti a viaggiare a passo di lumaca. A creare un vero e proprio problema alla sicurezza ci pensano anche quei rifiuti abbandonati lungo la carreggiata. Non solo sacchetti di residuo secco ma veri e propri ingombranti: mobili, materassi, elettrodomestici. I più piccoli lanciati dai finestrini degli automobilisti incivili. I più grandi abbandonati lì, nel cuore della notte magari, per non essere visti. Protagonista ancora una volta la Settevene Palo Nuova, strada provinciale che collega i comuni del litorale alla zona del lago di Bracciano. «Siamo costretti ad effettuare continui slalom con le nostre vetture – reclama Luigi, cerveterano – è un’indecenza, servono telecamere o fototrappole affinché queste persone che deturpano il territorio possano essere multati». Fenomeno questo sul quale è intervenuto anche il Movimento 5 Stelle etrusco con una lettera inviata ai sindaci di Cerveteri, Bracciano e Città Metropolitana, alla polizia locale di Cerveteri e alla Procura di Civitavecchia per segnalare una situazione «divenuta ormai insostenibile». «L’arteria viaria in questione si è di fatto trasformata in luoghi di scarico, deposito incontrollato – scrivono – ricettacolo di rifiuti di ogni genere, pericolosi per l’ambiente, le auto in transito e gli animali, che attirati dai rifiuti li trascinano al centro della strada, rimanendo spesso vittime di incidenti stradali». I grillini etruschi invocano punizioni esemplari. «Sono necessari opportuni accertamenti – aggiungono – per verificare se tale condotta configuri un illecito punibile. Ci auguriamo che con questo esposto, venga immediatamente risanata la zona per non essere poi costretti ad ulteriori azioni volte ad ottenere la bonifica delle discariche abusive. Utile inoltre potrebbe essere l’installazione di dispositivi ottici atti a rilevare eventuali ulteriori illeciti». E le mini discariche proliferano anche in altre zone del territorio, specialmente delle frazioni come ad esempio a Cerenova e Campo di Mare. Una situazione resa ancora più “difficile” dalla presenza, per le festività natalizie, di vacanzieri. «Personalmente ad alcuni operatori ho raccomandato prudenza nel pulire le strade dai residui dei giochi pirotecnici abbandonati ovunque, ricordando alcuni infortuni di netturbini in varie parti d’Italia e in Europa. Il suggerimento è anche quello di portarsi una bottiglietta d’acqua da versare sui residui prima di rimuoverli». E poi c’è anche la “questione” relativa alla Doganale, altra provinciale di collegamento tra il litorale e il lago. Qui a segnalare la presenza di rifiuti abbandonati in strada, nelle settimane scorse, era stato il consigliere FdI, Luigino Bucchi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS