Pubblicato il

“Puro Festival”, bene la prima edizione

“Puro Festival”, bene la prima edizione

BASSANO IN TEVERINA - Grande successo di partecipazione per la prima edizione di Puro Festival, l’evento andato in scena a Bassano in Teverina e dedicato ai vini naturali. Nelle sale dell’Olivo Country Club appassionati del vino naturale, delle ...

Condividi

BASSANO IN TEVERINA – Grande successo di partecipazione per la prima edizione di Puro Festival, l’evento andato in scena a Bassano in Teverina e dedicato ai vini naturali. Nelle sale dell’Olivo Country Club appassionati del vino naturale, delle eccellenze locali, dei prodotti del territorio e della cultura, hanno preso parte all’evento che ha visto protagoniste cinque cantine del viterbese: La Regina del Quartuccio, La Villana, Il Vinco, Ortaccio e Geremi.

Promosso dal comune di Bassano in Teverina e finanziato da Arsial e Regione Lazio, nella prima parte è andata in scena una degustazione dei vini delle cinque cantine coinvolte. Nella seconda parte spazio anche alla cultura, con protagonisti ragazze e ragazzi del teatro San Leonardo di Viterbo, guidati dal direttore artistico Simone Precoma, che hanno proposto letture di brani di Mario Soldati, Dino Campana e Corrado Dottori, ed eseguito brani classici, da Schubert a Debussy, fino a Einaudi. Protagonisti in particolare Maria Sofia Chiti, Giorgia Gasparini, Ludovico Precoma e Anna Paris. «Una prima edizione – spiega Stefano Mecocci, direttore artistico di Puro Festival – che ha riscontrato da subito un grande successo di partecipazione, perché unisce la cultura del vino naturale alla sensibilità per la valorizzazione dei prodotti locali. In più, le cantine coinvolte sono anche esempio di come la produzione possa rispettare il territorio e quindi i valori sani di tutta la filiera produttiva. Un evento che ha coinvolto anche i giovani, e questo è sicuramente un elemento di enorme importanza, soprattutto in ottica futura». «Questo evento rappresenta un’altra fondamentale tappa – spiega il sindaco di Bassano in Teverina, Alessandro Romoli – del percorso di valorizzazione del territorio di Bassano, intrapreso da questa amministrazione con l’obiettivo di arrivare a una efficace riqualificazione del borgo. Cultura, prodotti locali e coinvolgimento dei giovani sono tre pilastri su cui puntiamo a continueremo a puntare per accrescere il valore dei nostri luoghi».

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS