Pubblicato il

Ghirga: «Covid persistente, anche i casi lievi possono portare complicazioni»

Ghirga: «Covid persistente, anche i casi lievi possono portare complicazioni»

«Gli Stati Uniti si trovano ancora una volta nella fase di una nuova risalita di covid-19, consolidando un modello di virus che cresce durante le festività mentre medici ed esperti sanitari si preparano per una maggiore trasmissione dopo il ...

Condividi

«Gli Stati Uniti si trovano ancora una volta nella fase di una nuova risalita di covid-19, consolidando un modello di virus che cresce durante le festività mentre medici ed esperti sanitari si preparano per una maggiore trasmissione dopo il ritorno degli americani a scuola e al lavoro questa settimana». Il focus sui contagi arriva dal dottor Giovanni Ghirga, che spiega come i campioni di coronavirus rilevati nelle acque reflue, il miglior indicatore per stimare l’attività virale della comunità, suggeriscono che le infezioni potrebbero essere diffuse come lo erano lo scorso inverno. «Alcune strutture sanitarie in tutto il paese, comprese tutte quelle nella contea di Los Angeles – fa sapere il pediatra ambientalista – stanno nuovamente richiedendo l’uso delle mascherine. JN.1, la nuova variante dominante, sembra essere particolarmente abile nel contagiare coloro che sono stati vaccinati o precedentemente infettati. Anche se si stanno diffondendo nuovamente le foto dei test positivi al coronavirus sui social media, meno persone stanno andando in ospedale rispetto a un anno fa». Giovanni Ghirga spiega che i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie hanno segnalato 29.000 ricoveri covid nella settimana precedente al Natale, i dati più recenti, rispetto ai 39.000 dell’anno precedente. «L’agenzia ha riferito una media di 1.400 morti settimanali dal Ringraziamento – ha aggiunto il medico – meno della metà delle vittime allo stesso punto dell’anno scorso. Tuttavia, il covid rimane una delle principali cause di morte nonché il principale responsabile dei ricoveri ospedalieri per virus respiratori, aggravando il carico degli ospedali che vedono anche un’affluenza di casi di influenza e RSV. “Tra i tre principali virus, è ancora il virus che mette più persone in ospedale e ne causa la morte”, ha commentato la direttrice dei CDC Mandy Cohen in un’intervista mercoledì». «Anche i casi lievi possono portare a complicazioni durature causate dal cosiddetto “covid persistente”- riporta ancora l’intervento di Ghirga – I CDC raccomandano comunque alle persone di isolarsi per cinque giorni dopo un test positivo, anche se molti americani hanno smesso di farlo e i test gratuiti sono più difficili da ottenere, rendendo più facile per il virus continuare a diffondersi se le persone non sanno che il loro raffreddore è in realtà il covid. “Come per qualsiasi consiglio di sanità pubblica, far sì che le persone aderiscano alle politiche è sempre una sfida”, ha commentato bagnata Simbo Ige, commissario del Dipartimento di Sanità Pubblica di Chicago, i quale esorta i residenti a seguire quella guida. “Appellarsi al desiderio delle persone di essere parte della soluzione per porre fine al covid o ridurne l’impatto è quello che abbiamo visto essere la cosa più efficace.” Michihiko Goto, uno specialista delle malattie infettive che ha visto un modesto aumento dei pazienti covid presso il Dipartimento degli Affari dei Veterani a Iowa City, teme che il ritorno degli studenti universitari seminerà più infezioni nelle prossime settimane. Le linee guida dei CDC per l’isolamento hanno senso, ha detto, ma la realtà è che molte persone non hanno la flessibilità sul lavoro per farlo. “Le persone senza congedo malattia retribuito potrebbero non essere in grado di [isolarsi perché devono mantenere le proprie famiglie”, ha commentato».


Condividi

ULTIME NEWS