Pubblicato il

Poesia nerazzurra al Superga

Poesia nerazzurra al Superga

Comincia nella maniera migliore il 2024 del Civitavecchia Calcio. I nerazzurri si sono imposti a Ciampino per 5-1 di confronti della Citizen Academy nella seconda giornata di ritorno del campionato di Eccellenza. Gara senza storia, troppa la ...

Condividi

Comincia nella maniera migliore il 2024 del Civitavecchia Calcio. I nerazzurri si sono imposti a Ciampino per 5-1 di confronti della Citizen Academy nella seconda giornata di ritorno del campionato di Eccellenza. Gara senza storia, troppa la differenza di valori. Match senza tanti fronzoli. Gli uomini di Scudieri lo giocano come se fossero perennemente sul risultato di zero a zero, pressing altissimo e manovra fluida su tutto il terreno di gioco che li porta a segnare quattro gol nei primi ventitre di gioco. Poi sarà solo accademia col punteggio che lieviterà fino alla goleada nerazzurra lontano da casa. Secondo minuto di gioco: sugli sviluppi di un calcio d’angolo la chiude in gol il solito Manuel Vittorini, che comincia l’anno nella sola maniera che conosce. Vecchia avanti e gara virtualmente in discesa. Errore di Tanzini e per poco gli avanti nerazzurri non ne approfittano per aprire subito un altro varco. È il dodicesimo, Vecchia padrona del gioco col raddoppio che non tarda ad arrivare. Fa tutto col mancino Scalzone, dribbling sull’ultimo difensore e palla alla destra di Tanzini. Gran gol, d’altra categoria, per la prima rete del giocatore nativo di Formia con la maglia del Civitavecchia. È poesia la manovra della formazione allenata da Raffaele Scudieri, pura poesia nei meandri di una retroguardia ospite che non riesce a tenere a bada la compagine della Vecchia e che probabilmente farà grossa fatica a mantenere la categoria per la prossima stagione. Il tris arriva al 19°, cross di Pompei con Vittorini che brucia Tanzini. Tre a zero, incontenibili i nerazzurri. Goleada neroazzurra, al 23° ci pensa direttamente da fermo Scalzone a calare il poker. Si potrebbe tranquillamente indire il triplice fischio finale in questo momento della gara, tale è la differenza di valori presente sul terreno di gioco aeroportuale. I nerazzurri giocano come se fossero ancora sullo 0-0 e per la Citizen non c’è scampo, sempre sulle seconde palle e con un pressing a tutto campo la squadra di Scudieri legittima l’ampio vantaggio accumulato. Al 32° il primo tiro nello specchio della Citizen Academy, con Piccirilli, che l’anno scorso ha segnato al Civitavecchia con il Quarto Municipio, direttamente tra le mani di Gonzalez, confermato tra i pali nonostante il ritorno a disposizione dell’altro portiere Midio. Il primo tempo si chiude col poker della Vecchia servito al Superga, di Vittorini e Scalzone i gol che legittimano una supremazia inequivocabile. Due i cambi in avvio di ripresa su entrambi i fronti, dentro Petruccetti e Samuele Cerroni, fresco di novità di impiego per questioni lavorative importanti per lui, per Legnante e Scalzone tra i civitavecchiesi, mentre sul fronte Citizen dentro Di Mascio e Giubbini per Domingues e Pittaccio. Pompei per Petruccetti al quinto giro di lancette della ripresa, tiro fuori da buona posizione. Stesso canovaccio in questo avvio, la Citizen non riesce a spingere come vorrebbe. Al nono la Vecchia cala il pokerissimo, Petruccetti crea e Papaj lo chiude. Cinque a zero, senza storie. Primo gol con la maglia del Civitavecchia anche per il ragazzo di origini albanesi, arrivato in tempo per le ultime partite prima della pausa per le festività di fine anno. Vittorini costringe Tanzini al miracolo un minuto dopo, per poi colpire il palo al 18°. Incontenibile la Vecchia. Al 25° accorcia dal dischetto la Citizen, nell’unico momento in cui la squadra romana alza un po’ il baricentro ci pensa Silvestri dal dischetto a scoccare il tiro che corona il fallo subito da Signorello. Risultato chiaramente in cassaforte, ma di pericoli non ce ne sono vista la mole di gioco continua dei nerazzurri. Cambiano le penne al Superga ma la trama è sempre a tinte neroazzurre. Ruggiero va pericolosamente al tiro poco dopo, la difesa spazza, per poi ripetersi a dieci dalla fine con l’ennesima respinta. C’è sicuramente un po’ di rammarico, perché si attende il ritorno al gol dell’attaccante al suo ritorno in campo dopo quasi un anno. Chiude avanti in maniera sterile la Citizen lasciando però sempre il fianco alle ripartenze della Vecchia; Vittorini quando non è fermato dalla difesa ci pensa il fuorigioco a bloccarlo.

Finisce cinque a uno per il Civitavecchia, prova superba al Superga di Ciampino. «È stata una partita andata subito a nostro favore – commenta mister Raffaele Scudieri – siamo stati bravi a capitalizzare le prime due occasioni create. Abbiamo anche sfruttato il momento di difficoltà del nostro avversario. È stata una buona domenica, anche perché Scalzone ha fatto gol, Legnante ha disputato una buona partita, ora avremo una settimana dove cercheremo di recuperare almeno Luciani, per dare più soluzioni alla squadra. Un mese fa dovevamo fare un cambio di mentalità e l’abbiamo fatto. Cercheremo di giocarci le nostre chance fino alla fine. Ci sono diversi giocatori fuori, ma chi è sceso in campo ha dimostrato il suo valore. Ringrazio la società che ci permette sempre di potersi esprimere al meglio».

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS