Pubblicato il

Prodotti per l’infanzia, Ghirga: «Rischio contaminazione»

Prodotti per l’infanzia, Ghirga: «Rischio contaminazione»

Il pediatra evidenzia l’allarme dell’Agenzia europea

Condividi

CIVITAVECCHIA – L’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) ha svolto un’importante indagine che ha rivelato la presenza di sostanze pericolose nei prodotti destinati all’infanzia. Questo studio è stato condotto su 48 fonti diverse e ha evidenziato la presenza di sostanze cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione (CMR) in articoli come seggiolini auto, bavaglini e prodotti per la cura del bambino. Questo è un argomento di grande rilevanza, poiché i bambini sono particolarmente vulnerabili agli effetti dannosi delle sostanze chimiche a causa delle loro dimensioni ridotte e dello sviluppo fisiologico e comportamentale.

Le sostanze CMR più comuni trovate nei prodotti per l’infanzia sono il cobalto, il piombo e gli ftalati come il DEHP. È preoccupante che questi materiali possano essere in contatto con la pelle dei bambini o essere ingeriti durante l’uso dei prodotti. La presenza di queste sostanze potenzialmente dannose negli articoli per l’infanzia è motivo di grande preoccupazione e richiede un intervento urgente per proteggere la salute e la sicurezza dei bambini.

Basandosi sui risultati della sua indagine, l’ECHA aiuterà la Commissione europea a elaborare una restrizione a livello dell’Unione europea per limitare queste sostanze chimiche. La relazione fornirà dettagli importanti su come definire gli articoli per l’infanzia, cosa la restrizione potrebbe coprire, potenziali deroghe, limiti di concentrazione raccomandati e tempi di attuazione. Queste informazioni saranno fondamentali per la preparazione di una proposta di restrizione che possa garantire la protezione dei bambini da sostanze dannose.

È essenziale che la Commissione europea agisca rapidamente sulla base dei risultati dell’ECHA per garantire la sicurezza dei prodotti destinati all’infanzia. La protezione dei bambini deve essere una priorità assoluta, e limitare l’esposizione a sostanze pericolose è fondamentale per proteggere la loro salute e il loro benessere. Speriamo che la Commissione europea utilizzi appieno le informazioni fornite dalla relazione dell’ECHA per adottare misure efficaci e tempestive per proteggere i nostri bambini.

Giovanni Ghirga

Pediatra


Condividi

ULTIME NEWS