Pubblicato il

«La Passeggiata non poteva essere inserita tra le opere del Pnrr»

«La Passeggiata non poteva essere inserita tra le opere del Pnrr»

Il primo cittadino: «Era già stata bocciata dal Ministero dell’Interno»

Condividi

SANTA MARINELLA – “Sono attivi diciotto progetti in grado di cambiare il volto di Santa Marinella, quindi mi sarei aspettato dall’opposizione una offerta di collaborazione pur nel rispetto dei ruoli”. Questo dice Tidei, in risposta al consigliere di Coalizione Futuro Clelia Di Liello, che ieri aveva giudicato negativa la scelta dell’amministrazione di non inserire il restauro della Passeggiata al Mare nell’elenco delle opere pubbliche finanziate dal Pnrr. “La Passeggiata – prosegue il sindaco – non poteva essere inserita tra le opere del Pnrr essendo già stata bocciata dal Ministero degli Interni come opera di rigenerazione urbanistica. Dopo una simile bocciatura, insistere sperando in un radicale dietro front del Governo sarebbe stato puro autolesionismo. Mi sento quindi di respingere le critiche mosse dalla consigliera Di Liello su questo punto come irricevibili. Intendo invece rassicurare la stesa consigliera, per quel che riguarda la gestione del Pnrr e il richiamo ad alcuni punti di attenzione sollevati dal collegio dei revisori da lei stessa citati. L’istituzione di una cabina di regia di coordinamento tra l’azione politica e quella di un tavolo tecnico finanziario e di vari team di progetto, sono adempimenti necessari all’attuazione delle opere del Pnrr e non certo eludibili. Varie disposizioni governative stabiliscono nel dettaglio la particolare “governance” a cui i progetti sono assoggettati che riguarda non solo e non tanto la loro contabilizzazione separata, ma soprattutto la modalità stessa degli affidamenti sotto il profilo dell’antiriciclaggio, dell’anticorruzione dei conflitti di interesse, delle cosiddette porte girevoli e le stesse tempistiche d’esecuzione dei lavori. Insomma fanno parte del pacchetto Pnnr che finora il Comune ha dimostrato di padroneggiare, portando a casa ben 18 progetti che possono davvero cambiare il volto di Santa Marinella per un totale di 12,6 milioni e che si uniscono agli oltre 22 milioni per opere pubbliche già finanziate dall’Europa tramite la Regione e dai vari Ministeri con la mia giunta negli ultimi cinque anni”. “Più che una critica – conclude il primo cittadino – mi sarei aspettato che l’opposizione si dichiarasse disponibile a collaborare vista la complessità del piano e dei suoi adempimenti, ad esempio dichiarandosi pronto a partecipare alla cabina di regia del Pnrr. Finora non lo ha fatto. Vedremo in futuro quale strada prenderanno, se quella della chiacchiera gratuita e come al solito inconsistente o quella della collaborazione fattiva, pur nel rispetto dei ruoli, per dare un contributo davvero concreto a questo Pnrr da cui, ripeto, dipende il volto e gran parte del futuro di Santa Marinella”.


Condividi

ULTIME NEWS