Pubblicato il

L’acqua in bottiglia contiene fino a 100 volte più microplastica del previsto

L’acqua in bottiglia contiene fino a 100 volte più microplastica del previsto

CIVITAVECCHIA – Anche se gli scienziati chiedono urgentemente studi sugli effetti potenziali della microplastica che finisce nei nostri organismi, non abbiamo però ancora un modo semplice ed efficace per individuare e identificare le più piccole ...

Condividi

CIVITAVECCHIA – Anche se gli scienziati chiedono urgentemente studi sugli effetti potenziali della microplastica che finisce nei nostri organismi, non abbiamo però ancora un modo semplice ed efficace per individuare e identificare le più piccole di queste particelle inquinanti.

Una chimica ambientale della Columbia University, Naixin Qian, e i suoi colleghi hanno sviluppato una nuova tecnica di imaging per mettere in evidenza queste insidiose particelle petrolchimiche.

“Le persone hanno sviluppato metodi per vedere nanoparticelle, ma non sapevano cosa stavano guardando”, spiega Qian, spiegando che, a differenza dei vecchi metodi di rilevamento che possono solo fornire stime di massa delle particelle presenti, la nuova tecnica non solo distingue le singole particelle ma consente anche la loro identificazione.

Le nanoplastiche sono frammenti di plastica inferiori a un micrometro di dimensione, prodotte come effetto collaterale di molti processi industriali oltre al degrado dei prodotti in plastica.

“Dato il potenziale di queste particelle di attraversare la barriera biologica, le nanoparticelle, nonostante il contributo apparentemente banale alla misurazione della massa, potrebbero svolgere un ruolo predominante in termini di valutazione della tossicità”, affermano Qian e il suo team nel loro articolo.

Il team ha utilizzato due laser che possono essere sintonizzati per risuonare con specifiche molecole, un metodo chiamato microscopia a scattering stimolato di Raman. Ciò ha permesso loro di identificare la composizione chimica delle particelle bersaglio utilizzando algoritmi per incrociare database di risonanze chimiche.

Utilizzando questa tecnica, il team ha testato numerose marche di acqua in bottiglia popolari negli Stati Uniti. Hanno individuato fino a 370.000 particelle per litro in alcuni campioni, fino al 90 percento delle quali erano nanoplastiche.

Ciò corrisponde a circa 240.000 particelle di nanoplastica in ciascun litro, in media, fino a 100 volte superiori alle stime precedenti.

La plastica più comune che hanno trovato era sorprendentemente non lo stesso materiale della bottiglia, ma un composto chiamato poliammide. Ironicamente questo si trova nei filtri utilizzati per purificare l’acqua in bottiglia.

Il materiale delle bottiglie di plastica, PET, era anche comunemente atteso.

“Non è del tutto inaspettato trovare così tante di queste cose”, spiega Qian. “L’idea è che più piccole diventano le cose, più ce ne sono”.

Le stime precedenti contavano principalmente solo le particelle di dimensioni più grandi, notano i ricercatori, ma hanno scoperto che le particelle più piccole rappresentano circa il 90 percento di tutta la plastica che hanno rilevato.

Anche se la microplastica non è immediatamente tossica, rimangono preoccupazioni per gli effetti a lungo termine poiché si accumulano in diversi tessuti all’interno dei nostri organismi, dai nostri cervelli alle placente.

La plastica ha anche il brutto vizio di attirare potenziali inquilini dannosi, da batteri resistenti agli antibiotici a molecole tossiche come ritardanti di fiamma e ftalati. E le molecole di plastica più piccole potrebbero teoricamente trasportare queste sostanze nei nostri tessuti più sensibili.

La nuova tecnica di imaging è in grado di visualizzare direttamente aggregazioni potenzialmente tossiche e, con maggiori dati sull’identificazione chimica, potrebbe essere in grado di aiutare anche a identificarle. Qian e i colleghi sperano che possa rivelare le interazioni tra queste particelle e i nostri tessuti biologici.

“L’immagine di singole particelle con sensibilità alle nanoparticelle e specificità della plastica fornisce informazioni indispensabili per affrontare la crescente preoccupazione per la tossicità”, concludono i ricercatori.

Qian N, Gao X, Lang X, et al. Rapid single-particle chemical imaging of nanoplastics by SRS microscopy. Proc Natl Acad Sci USA. 2024;121(3):e2300582121. doi:10.1073/pnas.2300582121.

In Italia?

©RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi

ULTIME NEWS