Pubblicato il

Tre bandi dedicati alle categorie più fragili

Tre bandi dedicati alle categorie più fragili

Monica Picca: «Non intendiamo lasciare indietro nessuno»

Condividi

FIUMICINO – Sono tre i bandi usciti nell’ambito dell’Assessorato alle politiche sociali, per incrementare i servizi a disposizione di cittadini, dedicati alle categorie più fragili: Capitolato d’appalto per l’affidamento di un servizio di Pronto Intervento Sociale”(PIS) che rientra nei livelli essenziali delle prestazioni previsti dall’art. 22, comma 4, della legge 8 novembre 2000, n. 328, e dall’art. 22 comma 5 art. 30 della Legge Regionale del Lazio del 10 agosto 2016, n.11. Il PIS affronta emergenze ed urgenze sociali in tempi rapidi ed in maniera flessibile verso persone che, per situazioni contingenti, sono sprovviste di mezzi necessari al soddisfacimento dei bisogni primari di vita; Capitolato d’appalto per l’affidamento del servizio di trasporto urbano ed extraurbano, di anziani e disabili residenti nel comune di Fiumicino, “Servizio Telebus”;

Capitolato d’appalto per la realizzazione di un Servizio di assistenza a disabili gravi nella strutture residenziali Casa Famiglia (Dopo di Noi). L’inserimento in una struttura ad alta densità assistenziale ed alternativa all’istituzionalizzazione per consentire il mantenimento delle residue autonomie personali e favorire la realizzazione di un progetto individuale.

«Nelle politiche sociali non intendiamo lasciare indietro nessuno – dichiara l’assessore ai servizi sociali, Monica Picca -. Esprimo piena soddisfazione per il lavoro svolto dall’assessorato in questi mesi, è stato intenso e diretto all’ascolto delle associazioni del terzo settore, che svolgono un’attività capillare sul territorio, di progettazione, in linea con il programma che ci eravamo prefissati e soprattutto, con una visione che vuole rispondere concretamente alle esigenze di un territorio vasto ed eterogeneo”. Tante le iniziative portate avanti in questi mesi che ci vedranno incidere grazie anche ad un bilancio costruito nell’ottica di dar seguito alla nostra visione”. conclude l’assessore. Per partecipare ai bandi è necessario seguire la procedura sul MEPA.

Di seguito qualche informazione utile per iscriversi ed accedere a MEPA: per iscriversi al MePA e partecipare alle iniziative, il legale rappresentante di un’azienda dovrà registrarsi al sistema di e-procurement tramite il sito acquistinretepa.it. Per l’iscrizione al Mepa, fondamentale disporre di firma digitale e Pec. Registrarsi permette di ottenere username e password per accedere al proprio account. L’abilitazione al MePA inizia con la procedura di registrazione. Per registrarsi, sono possibili due strade: cliccare sul menù presente in tutte le pagine del portale Acquisti in rete pa, alla voce “Registrati” cliccare sulla dicitura “Non sei ancora registrato?” che si trova sotto agli spazi del login Dopo questo passaggio, l’utente deve indicare il proprio ambito di appartenenza, per esempio “impresa italiana” o “UE”. Dopo aver selezionato la definizione corretta, bisogna inserire la partita IVA dell’azienda che si rappresenta. Poi è necessario controllare che tutte le informazioni fornite al portale siano corrette. A quel punto, il sistema indica uno username, mentre l’utente dovrà scrivere la password e poi confermarla. Dopo la registrazione, si riceverà una mail: cliccare sul link presente nel testo per confermare l’avvenuta registrazione.

Dalla vetrina dei bandi del MePA è possibile selezionare un bando ed iniziare la procedura di abilitazione cliccando su “Partecipa”, dopo aver eseguito l’accesso con le credenziali user e password. A fare la procedura dev’essere il legale rappresentante dell’azienda. Sono ammessi, a richiedere l’abilitazione al MePA, tutti gli operatori economici che possono partecipare alle procedure di affidamento dei contratti pubblici, come previsto dal Decreto legislativo 50/2016 e dalla normativa comunitaria in materia. Le dichiarazioni rilasciate non hanno più scadenza, pertanto dovranno essere aggiornate non appena cambierà una delle informazioni in esse contenute. In dettaglio, gli operatori economici ammessi sono: Singolo operatore economico Consorzio stabile che partecipa con la propria struttura d’impresa Consorzio fra società cooperative di produzione e lavoro Consorzio fra imprese artigiane che partecipa con la propria struttura d’impresa Rete di imprese con soggettività giuridica che opera con la propria organizzazione d’impresa Rete di imprese con soggettività giuridica


Condividi

ULTIME NEWS